Tunisia : affonda petroliera con 750 tonnellate di gasolio

Tunisia : affonda petroliera con 750 tonnellate di gasolio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Si teme un nuovo disastro ambientale nel Mediterraneo: la nave da carico commerciale, “XELO”, battente bandiera della Guinea tropicale che trasportava circa 750 tonnellate di gasolio, proveniente dal porto egiziano di Damietta diretta a Malta, per difficoltà dovute al maltempo e al mare agitato, aveva chiesto alle autorità tunisine di consentirle di entrare nelle proprie acque territoriali e di permettergli di attraccare a circa 7 km dalla costa della baia di Gabes.

La nave però in difficoltà ha cominciato a imbarcare acqua , iniziando ad affondare : l'intero equipaggio è stato messo in sicurezza e salvato dopo i soccorsi prestati dalle autorità tunisine.

Squadre congiunte della Marina, dei trasporti e delle dogane oltre alle autorità regionali di Gabès avevano cercato di mantenere stabile la nave per evitarne l'affondamento, ma i tentativi sono stati vani. Il ministro dell'Ambiente, Layla Sheikhawi Al - Mahdawi Gabes che si sta recando personalmente a Gabes, ha nelle ultimissime ore annunciato che saranno “ adottate tutte le misure e le misure preventive necessarie in coordinamento con gli enti regionali, locali e nell'ambito dell'attivazione del Piano Nazionale per l’ intervento di emergenza in caso di inquinamento marino, al fine di controllare la situazione e ridurre la diffusione delle perdite di petrolio (Al-Qazwal) ed evitare un disastro ambientale nella regione.”

 

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti