Tutte le nuove armi a disposizione della Russia nel 2022

Tutte le nuove armi a disposizione della Russia nel 2022

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La NATO si avvicina sempre più ai confini di Mosca, la retorica guerrafondaia di USA e paesi vassalli aumenta di giorno in giorno. Così la Russia si trova ad affrontare sfide e minacce crescenti. Quindi anche dal punto di vista militare deve essere pronta ad affrontare qualsiasi evenienza e scenario. Anche i più foschi vista l’irresponsabilità occidentale.

La Russia è ben consapevole che le sue forze armate devono disporre di armamenti all’avanguardia in modo da far desistere il nemico dal lanciarsi in attacchi. 

Nel 2022, le forze di terra, aviotrasportate e le truppe costiere russe riceveranno oltre 1.000 pezzi di equipaggiamento.

Missili da crociera ipersonici antinave Zircon

Il 24 dicembre, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il successo del lancio a salve dei missili Zircon. Questo lancio di prova ha segnato una pietra miliare in molti anni di lavori di sviluppo e test. Il ministro della difesa Sergei Shoygu ha parlato delle forniture di serie del nuovo missile nel 2022.

Nell'ambito dei test, il missile è stato lanciato dal sottomarino Severodvinsk e poi dalla fregata Admiral Gorshkov.

Sistema missilistico strategico RS-28 Sarmat

Secondo il ministro della difesa Shoygu, le Forze missilistiche strategiche della Russia riceveranno 21 lanciatori con missili balistici intercontinentali, tra cui il missile Sarmat.

In precedenza, il comandante delle Forze Missilistiche Strategiche, il colonnello generale Sergei Karakaev, ha dichiarato che il primo reggimento armato con il Sarmat ICBM prenderà servizio in combattimento nel 2022.

Si ritiene che l'RS-28 Sarmat possa lanciare una testata del peso di dieci tonnellate in qualsiasi parte del mondo. Il futuro sistema missilistico strategico basato su silo sostituirà i missili R-36M2 Voevoda.

Sistema missilistico antiaereo Gibka-S

Nel 2022, le unità di difesa aerea riceveranno per la prima volta i sistemi missilistici antiaerei Gibka-S. Il tenente generale Alexander Leonov, il capo della difesa aerea militare delle forze armate russe, ha detto che il nuovo sistema di difesa aerea ha ricevuto attrezzature di ricognizione e un sistema di controllo automatico. Questo permette ai militari di mantenere il servizio 24 ore su 24 e controllare il fuoco in tempo reale.

Il sistema Gibka-S è diventato il primo complesso semovente russo di corto e ultra-corto raggio del tipo VSHORAD (Very Short-Range Air Defense). Questo sistema di difesa aerea può colpire aerei, elicotteri, droni e missili da crociera che volano ad una quota minima. Gibka-S utilizza munizioni per sistemi di difesa aerea portatili (MANPADS), come Igla, Igla-S e Verba.

Elicottero da ricognizione e attacco Ka-52M

Durante il forum militare-tecnico internazionale Army-2021, che si è tenuto in agosto, il Ministero della Difesa e la Russian Helicopters Holding Company hanno firmato un contratto per le forniture di elicotteri Ka-52M aggiornati. Come parte dell'accordo, l'esercito riceverà 30 elicotteri da ricognizione e d'attacco. Le forniture degli elicotteri inizieranno nel 2022, ha detto una fonte dell'industria aeronautica.

Il Ka-52M è stato aggiornato con il sistema optoelettronico e un nuovo sistema radar dotato di un array di antenne a fase attiva. Inoltre, l'elicottero aggiornato sarà in grado di trasportare nuove armi, compresi i missili Ataka, Vikhr e Vikhr-M.

Droni KUB-UAV

Nel 2022, l'esercito russo riceverà un nuovo tipo di arma. Il 17 dicembre, il servizio stampa di ZALA Aero (parte del gruppo di società Kalashnikov) ha annunciato il completamento con successo dei test del drone KUB-UAV. Il veicolo è stato raccomandato per l'adozione, mentre le sue forniture potrebbero iniziare nel 2022.

Il KUB-UAV è dotato di un motore elettrico che assicura una velocità massima fino a 130 chilometri all'ora. Il veicolo può volare fino a 30 minuti. La sua testata pesa tre chili.

Complesso robotico Uran-9

In ottobre, il comandante in capo delle forze di terra, il generale dell'esercito Oleg Salyukov, ha annunciato che l'operazione militare sperimentale dei robot da combattimento Uran-9 avrebbe avuto luogo nel 2022. Dopo questa fase, l'esercito determinerà il numero di sistemi robotici da acquistare.

Nel 2021, i sistemi Uran-9 sono stati utilizzati con successo nelle esercitazioni strategiche congiunte Zapad 2021 di Russia e Bielorussia. I robot hanno colpito con successo i veicoli blindati del finto nemico a una distanza fino a 5.000 metri.

Sukhoi Su-57, caccia di quinta generazione

I caccia multiuso Su-57 di quinta generazione saranno forniti alle truppe del distretto militare orientale già nel 2022, ha detto il colonnello generale Alexander Chaiko, comandante delle forze di difesa aerea.

Il caccia stealth di quinta generazione Su-57 è progettato per distruggere tutti i tipi di obiettivi di terra, aria e superficie. L'aereo è dotato di un rivestimento che assorbe i radar e di compartimenti per le armi all'interno del corpo. Il primo aereo della serie è stato consegnato alle forze aerospaziali russe nel dicembre 2020.

Bombardiere strategico Tupolev Tu-160M

Il modello base del bombardiere Tupolev Tu-160 fece il suo volo inaugurale nel 1981. La produzione del modello Tu-160M modernizzato ha preso il via nello stabilimento dell'aviazione di Kazan nel 2018. A dicembre, il vice primo ministro Yury Borisov ha annunciato che il nuovo Tu-160M decollerà per la prima volta nel 2022.

Il Tupolev Tu-160 rimane il più grande aereo supersonico nella storia dell'aviazione. Il Tu-160 rimane anche l'aereo da combattimento più pesante e il bombardiere più veloce. Il Tu-160 è progettato per colpire obiettivi in aree remote con armi convenzionali e nucleari.

Elicottero pesante multiuso Mi-26T2V

La produzione di serie dell'elicottero Mi-26T2V inizierà nel 2022. A novembre, Andrei Boginsky, CEO della Russian Helicopters Holding, ha annunciato che il produttore avrebbe ricevuto il permesso per la produzione di massa entro la fine del 2021.

La versione aggiornata del più grande elicottero da trasporto di serie ha fatto il suo primo volo nel 2018. Il Ministero della Difesa russo prevede di acquisire dieci elicotteri. La capacità di trasporto del Mi-26T2V è di 20 tonnellate.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli