USA ammettono: il sistema missilistico HIMARS schierato in Siria, ma non è sotto il controllo curdo

USA ammettono: il sistema missilistico HIMARS schierato in Siria, ma non è sotto il controllo curdo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Washington ha ammesso, mercoledì scorso, di aver inviato in Siria l'High Mobile Artillery Rocket System (HIMARS), ma ha smentito le notizie dei media turchi secondo le quali i sistemi sarebbero destinati ai miliziani curdi che Ankara ha etichettato come "terroristi".

"Sì, ci sono HIMARS in [Siria] per la protezione della forza", ha detto a Middle East Eye (MEE) un portavoce del comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM).

"CENTCOM non fornisce l'HIMARS o l'addestramento alle SDF", ha precisato il portavoce, aggiungendo che gli Stati Uniti "non riveleranno l'ubicazione" dell'HIMARS a causa di rischi per la sicurezza.

I commenti dell'esercito americano arrivano sulla scia di diversi resoconti dei media turchi che suggerivano che l'HIMARS fosse stato trasferito alle Unità di protezione del popolo (YPG), i cui combattenti costituiscono la spina dorsale delle SDF.

"Gli Stati Uniti hanno trasferito l'High Mobility Artillery Rocket System (HIMARS), un lanciarazzi multiplo leggero montato su un normale veicolo tattico medio dell'esercito (MTV) alla propaggine siriana del PKK, i terroristi delle YPG in Siria", ha scritto il quotidiano turco Daily Sabah . 31 maggio, citando fonti anonime.

Ankara ha a lungo accusato l'intelligence straniera, in particolare quella statunitense, di sostenere il PKK. Mentre Washington lo nega, appoggia apertamente le SDF curde – strettamente legate al PKK e ad altri gruppi curdi – con il pretesto della lotta della coalizione statunitense contro l'ISIS in Siria.

Di conseguenza, Ankara ha avviato molteplici operazioni militari in Siria e dal 2017 occupa parti significative del paese con il pretesto di proteggere il proprio confine. Lancia inoltre frequenti attacchi di droni contro le posizioni curde, che hanno provocato la morte di civili.

Di recente, Ankara e Damasco si sono impegnate in uno sforzo sponsorizzato dalla Russia e dall'Iran per riprendere i legami.

Tuttavia, il governo siriano ha ribadito che questi sforzi di riconciliazione non possono avere successo senza un completo ritiro militare turco dalla Siria e la fine del suo sostegno alle fazioni estremiste come la coalizione dei miliziani dell'Esercito nazionale siriano (SNA).

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti