World Affairs/USA. Ti ammali di Covid-19? Ecco il conto da pagare: 35.000 dolla...

USA. Ti ammali di Covid-19? Ecco il conto da pagare: 35.000 dollari

 

La rivista statunitense Time analizza la vicenda di una paziente affetta da Covid-19. Dopo esami, analisi, cure, le hanno presentato il conto da pagare: 35.000 dollari. Questa paziente, come altre 27 milioni di americani non hanno copertura assicurativa per curarsi dal coronavirus.


Questa vicenda non rivela nulla di nuovo su quanto succede negli USA, dove se non si posiede un'adeguata copertura assicurativa, senza mezzi termini, si muore.

 
Oggi però con la pandemia Covid-19 emergono come non mai le contraddizioni delle politiche neo liberiste. I fatti hanno la testa dura. Nelle cosiddette "democrazie occidentali", con lo scoppio della Pandemia, i sistemi sanitari ormai quasi del tutto privatizzati sono al collasso come è avvenuto anche in Italia dove si è stati costretti a ricorrere all'aiuto delle "dittature comuniste" Cina e Cuba per la mancanza di medici non dovuta solo al contagio dei sanitari, ma alla carenza degli organici. Proprio nella "prima democrazia" del mondo, gli Stati Uniti d'America, è risaputo che se non hai copertura assicurativa, non hai possibilità di sopravvivenza. Che paradosso, nelle "dittature" come Cina, Iran, Cuba, i sistemi sanitari sono pubblici, le cure gratuite e mettono a disposizione le loro competenze e capacità materiale umane al servizio dei paesi più colpiti.
 
Veniamo al fatto raccontato dalla rivista statunitense Time, non è Russia Today, né Global Times.
 
Danni Askini ecuadoriana residente negli Stati Uniti, a Boston, già ammalata di cancro per la presenza di linfonodi, comincia a febbraio a ad avere sintomi che richiamano a quelli del Covid-19.
 
Dopo alcuni ricoveri, esami vari, e la diagnosi che confermava che aveva contratto il Covid-19, riceve una fattura di 34.927,43 dollari. "Sono rimasta piuttosto scioccata dalla fattura. Personalmente non conosco nessuno che abbia quella quantità di denaro", ha raccontato Askini.
 
Sul Time si aggiunge che " come 27 milioni di altri americani, Askini non era assicurata quando è entrata per la prima volta in ospedale. Lei e suo marito avevano programmato di trasferirsi a Washington, DC questo mese per poter prendere un nuovo lavoro, ma non avevano ancora iniziato. Ora che quei piani sono in sospeso, Askini ha fatto domanda per Medicaid e spera che il programma copra retroattivamente le sue fatture. Altrimenti, lei sarà coperta."
 
 
Il media statunitense spiega che "sarà in buona compagnia. Esperti di sanità pubblica prevedono che decine di migliaia e forse milioni di persone negli Stati Uniti dovranno probabilmente essere ricoverati in ospedale per COVID-19 nel prossimo futuro. E il Congresso deve ancora affrontare il problema. Il 18 marzo ha approvato il primo atto di risposta al Coronavirus per le famiglie , che copre i costi dei test in futuro, ma non fa nulla per far fronte ai costi del trattamento."
 
Inoltre, " Mentre la maggior parte delle persone infette da COVID-19 non dovrà essere ricoverata in ospedale e può riprendersi a casa, secondo l' Organizzazione Mondiale della Sanità , coloro che hanno bisogno di andare in terapia intensiva possono probabilmente aspettarsi grosse fatture, indipendentemente dall'assicurazione che hanno. Mentre il governo degli Stati Uniti lavora su un altro pacchetto di stimoli, è probabile che un futuro aiuto aiuti ad alleviare alcuni problemi economici causati dalla pandemia di coronavirus, ma permangono delle lacune."
 
Quanto costa essere ricoverato in ospedale per COVID-19?
 
È la domanda che pone la giornalista del Time "a causa del nostro frammentato sistema di assistenza sanitaria , dipende dal tipo di assicurazione che hai, quali sono i benefici del tuo piano e quanto della tua franchigia hai già pagato", precisando che "Una nuova analisi della Kaiser Family Foundation stima che il costo medio del trattamento COVID-19 per qualcuno con un'assicurazione del datore di lavoro - e senza complicazioni - sarebbe di circa $ 9.763. Qualcuno il cui trattamento ha complicazioni può vedere le fatture raddoppiate: $ 20.292. (I ricercatori hanno fornito questi numeri esaminando i costi medi dei ricoveri ospedalieri per le persone con polmonite.)"
 
Quanto si deve pagare?
 
È l'altra domanda che pone la giornalista, precisando che "è probabile che la maggior parte dei piani di assicurazione sanitaria privata coprano la maggior parte dei servizi necessari per curare le complicanze del coronavirus, ma ciò non include la franchigia: il costo che paghi di tasca propria prima che la tua assicurazione entri in attività. Oltre l'80% delle persone con assicurazione sulla salute del datore di lavoro hanno franchigie e l'anno scorso la franchigia media annua per una sola persona in quella categoria era di $ 1.655 . Per i singoli piani, i costi sono spesso più elevati. La franchigia media per un singolo piano di nel 2019 era di $ 5.861, secondo Health Pocket ."
 
 
Tra l'altro "In entrambi i casi complicati e senza complicazioni, i ricercatori Kaiser hanno scoperto che i pazienti con un'assicurazione basata sul datore di lavoro possono aspettarsi costi immediati di oltre $ 1.300. I costi erano simili indipendentemente dalle complicazioni perché molte persone ricoverate in ospedale raggiungono il loro massimo deducibile e immediato. Molti piani di assicurazione sanitaria richiedono anche il co-pagamento o la coassicurazione. Tali costi sono spesso del 15-20% per un medico in rete, il che significa che pagheresti quella parte del costo e può essere molto più per i medici fuori rete. La Medicare e Medicaid copriranno probabilmente anche i servizi necessari per il trattamento del coronavirus, ma i dettagli sulle franchigie (per Medicare) e sui potenziali co-pagamenti dipenderanno nuovamente dal piano e dallo stato in cui ti trovi per Medicaid."
 
E se non sei assicurato?
 
Secondo Abigail Abrams, redattrice dell'articolo "alcuni ospedali offrono programmi di assistenza di beneficenza e alcuni stati stanno prendendo provvedimenti per aiutare i residenti a pagare i costi di COVID-19 oltre i test. Diversi stati, tra cui Maryland, Massachusetts, Nevada, New York, Rhode Island e Washington, hanno creato "periodi di iscrizione speciali" per consentire a più persone di sottoscrivere un'assicurazione a metà anno.
 
Altri stati stanno richiedendo la copertura di futuri vaccini o cambiando le regole sulle ricariche di farmaci da prescrizione per aiutare le persone a fare scorta di medicinali essenziali. Finora, Maine, Maryland, Massachusetts, Nevada, New Mexico, New York e Oregon hanno richiesto agli assicuratori di rinunciare ai costi per un vaccino COVID-19 una volta pronto, e gli stati che hanno allentato le regole per aiutare le persone a riempire le prescrizioni includono l'Alaska, Colorado, Delaware, Florida, Maine, Maryland, New Hampshire, Carolina del Nord e Washington."
 
Abrams sottolinea che "anche quando non stiamo affrontando una pandemia globale, gli americani affrontano costi sanitari straordinariamente elevati , rispetto al resto del mondo, e milioni di noi già rimandano le cure mediche a causa delle preoccupazioni su quanto costerà. 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa