USA: utilizzata tecnologia cinese per recuperare caccia F-35C finito nel Mar Cinese Meridionale

USA: utilizzata tecnologia cinese per recuperare caccia F-35C finito nel Mar Cinese Meridionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

Il caccia stealth F-35, il "top fighter" degli Stati Uniti, ha subito una serie di incidenti, sollevando domande sul jet da combattimento più avanzato d'America che confermano la sua inaffidabilità. Nel gennaio di quest'anno, è stata la prima volta che un F-35C, la variante su portaerei del caccia, si è schiantato alle "porte del nemico”, ossia nel Mar Cinese Meridionale. 

Il relitto del velivolo è stato recuperato dal fondo del mare, a circa 12.400 piedi sotto la superficie, da una squadra composta da sommozzatori della Task Force della Settima Flotta della Marina degli Stati Uniti e da una squadra di recupero e immersione della Marina, secondo quanto si legge in un comunicato stampa.

La squadra ha usato un veicolo azionato a distanza per recuperare il relitto, che è stato infine tirato fuori da una gru attaccata alla nave Picasso. I media statali cinesi hanno affermato che la Picasso è una nave costruita in Cina e gestita da Singapore, secondo il South China Morning Post di Hong Kong.

Secondo il quotidiano asiatico la Picasso è stata costruita da China Merchants Heavy Industries, uno dei tre principali costruttori navali statali, ed è di proprietà e gestita da Ultra Deep Solutions (UDS), un operatore di navi da costruzione pesante con sede a Singapore.

I DSCV (Diving Support Construction Vessel) sono navi specializzate utilizzate per il recupero, l'installazione, l'ispezione e la riparazione in acque profonde. Il Picasso è uno dei DSCV più avanzati, con un veicolo azionato a distanza Curv-21 in grado di immergersi a profondità di oltre 3.000 metri.

I DSCV costruiti in Cina sono stati già utilizzati per recuperare aerei dal fondo del mare. Il Van Gogh, un altro DSCV della società di Singapore, è stato coinvolto nella missione di recupero quando un F-35A della Japan Air Self-Defense Force precipitò nell'Oceano Pacifico nel 2019.

Song Zhongping, un analista militare cinese, ha spiegato che la Cina è un leader mondiale nella costruzione di navi, quindi non è una sorpresa che le navi cinesi siano state coinvolte nella missione di recupero. "Questo dimostra la necessità di cooperazione tra gli Stati Uniti e la Cina", ha affermato l’analista.

È abbastanza interessante che una nave cinese sia stata utilizzata per recuperare un jet da combattimento precipitato dell'esercito statunitense in un momento in cui i due paesi sono ai ferri corti nella regione indopacifica.

Questo incidente ha sin da subito assunto un significato per la sua posizione, il Mar Cinese Meridionale, fortemente contestato, dove la settima flotta della Marina degli Stati Uniti svolge spesso operazioni di libertà di navigazione (FONOPs), con grande disappunto della Cina.

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO