Venezuela. Dopo la figuraccia social, Tajani può sempre autoproclamarsi vincitore come il golpista Guaidò

Venezuela. Dopo la figuraccia social, Tajani può sempre autoproclamarsi vincitore come il golpista Guaidò

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

Il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, nutre un odio viscerale contro il Venezuela Bolivariano. Questo è noto a tutti. Evidentemente agli occhi di un liberista sfegatato come Tajani il Venezuela rappresenta quanto è da combattere ed estirpare. Lo Stato che si occupa del proprio popolo, che non lascia nessuno indietro, uno Stato che costruisce case popolari già arredate e comprese finanche di elttrodomestici (abbiamo superato quota 2,5 milioni in meno di vent’anni). Un paese che si preoccupa dei propri anziani raddoppiando il numero di pensionati e che nonostante la guerra economica totale dell'occidente "libero", la caduta del prezzo del petrolio e il blocco non ha tagliato il budget destinato alle politiche sociali. 


L’ultima mossa di Tajani contro il Venezuela è un boomerang che vale la pena raccontare: attraverso il proprio canale Facebook ha pensato bene di lanciare un sondaggio. ‘Venezuela: democrazia libera o dittatura comunista’. Insomma, un sondaggio di una banalità disarmante. Anche uno studente al primo anno di scienze politiche inorridirebbe di fronte a tali scempiaggini politiche. Altro punto interessante: nella parte dedicata alla democrazia libera, Tajani inserisce una bandiera con 8 stelle, quella di solito utilizzata dal chavismo, visto che gli oppositori utilizzano una versione con 7 stelle. L’ottava stella venne infatti aggiunta con la riforma della legge sui simboli nazionali, voluta da Hugo Chavez nel 2006. L’ottava stella rappresenta la Guayana. 
 

 

La mossa si è rivelata uno dei fallimenti più imbarazzanti degli ultimi anni per un uomo politico sui social. Un epic fail per l’esponente di Forza Italia. Al momento il sondaggio vede in netto vantaggio i sostenitori di quella che Tajani definisce in maniera sprezzante ‘dittatura comunista’:



Ma poco importa, Tajani può sempre prendere a modello il golpista Guaidò e autoproclamarsi vincitore del sondaggio come gli ricordano in tanti nei commenti:


In ultima analisi, vogliamo ripetere ad Antonio Tajani quanto affermò il deputato del PSUV, Dario Vivas, dopo che l’allora vicepresidente del Parlamento Europeo offese pesantemente la Repubblica Bolivariana del Venezuela. «Siamo un paese libero e sovrano, vergogna».



Ancora una volta protagonista in negativo, un uomo, Tajani, che più di tutti rappresenta il fallimento e la perdita di dignità dell'occidente.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti