/ "Vi hanno fatto credere che la Patria sia una cosa da fascisti, m...

"Vi hanno fatto credere che la Patria sia una cosa da fascisti, mentre vi trasformavano in fanatici nazionalisti dell'Unione Europea"

 

Una sinistra che ha perso la strada. O il senno. Un antifascismo retorico e servile agli interessi di chi affama i popoli ma strizza l'occhio ai diritti civili. La cosiddetta sinistra radicale in perfetta sintonia coi partiti dell'establishment che diceva di voler combattere. L'antiglobalizzazione che è costata il sangue a Genova 2001 che si è trasformata in cosmopolitismo apolide e terzomondista. Noi non le mandiamo a dire: lo diciamo e basta. Condivido oggi il pensiero lucido e completo di Antonio Di Siena, in controtendenza coi "buoni e cattivi" dell'Italia dei nostri giorni, in cui devi tifare per Salvini o per le Ong. Noi abbiamo deciso di ragionare e di chiamarci fuori da questa logica becera e francescana di chi vuol salvare il mondo coi soldi di chi lo calpesta e accusa gli altri di "seguire l'agenda delle Destre".

Giusi Greta Di Cristina

--------------------------

di Antonio Di Siena

 

Vi hanno fatto credere che la Patria sia una cosa da fascisti, mentre vi trasformavano in fanatici nazionalisti di un macrostato di nome Unione europea.


Vi hanno fatto credere che per essere “veramente di sinistra” la vostra patria “è il mondo intero”, come cantavano gli anarchici. Facendovi dimenticare che quel Che che ostentate su magliette made in Bangladesh, gridava “Patria o morte”.


Vi hanno fatto credere che solidarietà internazionale non significa solidarietà “tra le nazioni”, ma senza le nazioni. 


E mentre smantellavano quelle più forti e soggiogavano ancor più le più deboli, vi trasformavano in apolidi, cittadini di un mondo che tutto depreda e privatizza.
 

Vi hanno fatto credere che i confini non esistono, mentre vi trasformavano nei paladini della terra di nessuno, dove non esistendo un territorio non può esserci esercizio di sovranità popolare, e quindi democrazia.


Vi hanno fatto credere che il primo problema di un migrante sia farsi accogliere e non vivere dignitosamente a casa sua.

Trasformandovi nei difensori della nuova tratta degli schiavi del modello neo coloniale.


Vi hanno fatto credere che la libera circolazione sia fare l’Erasmus, mentre vi trasformavano in mendicanti errabondi che non possono spostarsi liberamente, ma solo a seconda delle opportunità, del lavoro e del salario. Manodopera al servizio del padrone.


Vi hanno fatto credere che la vera libertà coincide con il libero mercato che tutto può comprare, compresi i bambini. Mentre trasformavano voi stessi e i vostri figli in nient’altro che merce.


Vi hanno fatto credere che i diritti civili siano la quintessenza della moderna civiltà. Mentre vi trasformavano in precari con salari da fame, senza casa, senza lavoro, senza futuro.


Vi hanno fatto credere che il socialismo e la rivoluzione siano fossili del novecento, che l’individuo venga prima dello Stato e della comunità. Trasformandovi in atomi incapaci di formare una massa e quindi di essere popolo.


“Non mi avrete mai come volete voi” cantavate orgogliosi nelle manifestazioni. E invece vi hanno avuto esattamente come volevano. 


Soldatini del pensiero unico con indosso la stessa non-divisa, quella degli omologati nella categoria degli apparentemente diversi. 


Esotici e ammaestrati animali da circo la cui unica prospettiva è un tendone colorato. 


Lo stesso del domatore.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa