"I terroristi hanno lasciato più di 40 tonnellate di armi chimiche in Siria"

"I terroristi hanno lasciato più di 40 tonnellate di armi chimiche in Siria"

Il ministero della Difesa russo ha riferito la scoperta di basi di produzione di armi chimiche appartenute a terroristi nel territorio siriano liberato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Oggi, il ministero della Difesa russo ha riferito della scoperta di basi di produzione di armi chimiche appartenute a terroristi nel territorio siriano liberato,. Secondo il ministero, 40 tonnellate di armi chimiche lasciate dai terroristi sono state scoperte in Siria.


 
"Dopo la liberazione da parte dell'esercito siriano da un certo numero di insediamenti sono stati scoperti diverse fabbriche clandestine di produzione di armi chimiche", ha rivelato il capo delle truppe di protezione radiologica, chimica e biologica della Russia, Igor Kirillov, in un l'incontro con gli ambasciatori accreditati in Russia.
 
"Ovviamente in queste fabbriche si costruivano queste munizioni per attuare azioni provocatorie e poi dare la colpa alle truppe governative siriane di usare armi chimiche ", ha aggiunto il militare.
 
Kirillov ha spiegato che nel contesto dell'operazione che si svolge nel Ghouta Oriental, le accuse contro Damasco sono diventate più frequenti sul presunto uso di armi chimiche da parte loro. Tuttavia, la comunità internazionale ignora i veri esempi dell'uso di armi chimiche da parte dei terroristi.
 
"Damasco ha ufficialmente confermato la sua disponibilità ad assistere a qualsiasi indagine sugli attacchi chimici in Siria, ma le organizzazioni internazionali si sono rifiutate di cooperare con il governo siriano, quindi sono diventati fondamentalmente complici delle organizzazioni terroristiche nelle loro azioni illegali",  ha evidenziato Kirillov.
 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO