World Affairs/VIDEO. "Guaiḍ go home". Contestato a Londra il golpista autoproc...

VIDEO. "Guaiḍ go home". Contestato a Londra il golpista autoproclamato al quadrato

 

Si è autoproclamato in una piazza di Caracas davanti a Dio come "presidente". E' responsabile di un criminale embargo, una vera e propria guerra economica contro il suo paese. Ha tentato un golpe militare il 30 aprile scorso, riuscendo solo a prendere un ponte della città di Caracas per qualche minuto. E' stato messo in minoranza dalla stessa opposizione venezuelana che ha eletto come presidente dell'Assamblea Nazionale il 5 gennaio passato un altro membro anti-chavista. E cosa ha fatto allora il nostro eroe? Si è autoproclamato presidente dell'Assemblea Nazionale per mantenere il titolo di autoproclamato presidente della Repubblica in un giornale con i voti dei sostituti dei parlamentari ufficiali. 

Parliamo chiaramente dell'unico autoproclamato al quadrato della storia, la marionetta degli Stati Uniti per eccellenza: Juan Guaidò, il quale, invece di rispondere ad un'inchiesta parlamentare sui milioni e milioni di dollari che gli sono arrivati da Stati Uniti e Europa portata avanti dalla stessa opposizione venezuelana, ha infranto nuovamente la legislazione del suo paese per un tour dai suoi padroni. 

Prima in Colombia dove si è divertito a simulare una visita di stato che sembrava più un colloquio di lavoro con i capi:





Poi a Londra dove è stato duramente contestato da cittadini che semplicemente non si arrendono all'idea che il proprio paese si presti all'ennesimo crimine internazionale degli Stati Uniti e dei vari vassalli della Nato e dell'Unione Europea.


Qui il video:
 
Prossima tappa del golpista venezuelano oggi a Bruxelles, capitale di quel mostro noto come Unione Europea su cui non vogliamo aggiungere nulla di più per non offendere le vostre intelligenze. 

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa