Siria e dintorni/(Video) Il discorso del Presidente siriano Assad dopo la totale l...

(Video) Il discorso del Presidente siriano Assad dopo la totale liberazione di Aleppo

 

In un discorso televisivo in occasione delle recenti vittorie, il presidente Bashar al-Assad si è rivolto ai siriani e ai resistenti di Aleppo e al coraggioso esercito arabo siriano che ha fatto molti sacrifici per ottenere la vittoria.

"Quando la città di Aleppo è stata liberata alla fine del 2016, ho detto che Aleppo dopo la liberazione non sarà più come prima, e ho avuto la piena fiducia che il patriottismo del popolo di Aleppo e la loro lealtà verso la patria e l'esercito cambieranno i piani dei nemici, ed è quello che è successo", ha dichiarato il presidente siriano Assad.

 
Inoltre Assad ha evidenziato che "non solo il popolo di Aleppo ha resistito e sopportato il dolore e la sofferenza, ma ha lavorato e prodotto durante gli anni dell'assedio e della guerra e nonostante le circostanze contrarie a qualsiasi logica economica.
 
 
“Tuttavia, Aleppo ha continuato a contribuire anche in minima parte all'economia nazionale, e sono sicuro che questo tipo di fermezza, che riflette la solida volontà, è ciò che farà sollevare Aleppo dalle ceneri della guerra per recuperare la sua posizione naturale e pionieristica nell'economia siriana ", ha affermatp.
 
Secondo il presidente, "è vero che la liberazione della città nel 2016 non ha raggiunto la sicurezza desiderata in quel momento ed è rimasta sotto il giogo dei proiettili dei codardi e dei traditori, ed è anche vero che la vittoria in una battaglia non significa vittoria in la guerra nella logica militare astratta che si basa sui fini e sui risultati, ma nella logica nazionale, la vittoria inizia con il primo giorno di fermezza”.
 
Ha anche sottolineato che "Aleppo ha trionfato, la Siria ha trionfato e tutti abbiamo trionfato sulla paura che hanno cercato di seminare nei nostri cuori, e abbiamo trionfato sulle illusioni che hanno cercato di instillare nelle nostre menti, e abbiamo trionfato sulla disintegrazione, l'odio e il tradimento".
 
"Questa liberazione non significa la fine della guerra, né la caduta dei piani o la scomparsa del terrorismo, né la resa dei nemici, ma certamente significa umiliare i nemici e sarà il preludio alla loro sconfitta, prima o poi" ha ricordato.
 
Al-Assad ha parlato degli "anni di bombardamenti brutali e violenti che hanno colpito la maggior parte dei quartieri; decine di migliaia di martiri e feriti e di orfani e vedove; anni di assedio senza acqua, elettricità o altri elementi essenziali della vita; tutto ciò per far inginocchiare Aleppo e arrendersi ai suoi abitanti. Con ogni insidioso proiettile caduto, la speranza dei nemici aumentava fino a diventare Aleppo in un'altra città che non è mai esistita nel corso della storia e in modo da non formare con il suo gemello Damasco le due ali con le quali il paese può volare ”.
 
“Il nostro esercito arabo siriano non mancherà di adempiere ai suoi doveri nazionali, e sarà solo come è stato sempre un esercito del popolo e per il popolo; e la storia non ha mai incontrato un esercito vittorioso che non sia unito al popolo nella sua battaglia e questo è ciò che abbiamo visto ad Aleppo e in altre città siriane quando il popolo ha abbracciato l'esercito, che a sua volta ha difeso il popolo e si è sacrificato per lui”, ha ribadito il presidente al-Assad.
 
Ha anche salutato i fratelli, gli amici e gli alleati che sono stati fianco a fianco con l'esercito sul campo di battaglia e come aquile protettive nel cielo e il loro sangue si è mescolato con il nostro per purificare la terra di Aleppo.
 
Il presidente ha concluso la sua apparizione ribadendo che Aleppo rimarrà fedele e fedele al paese e a coloro che hanno dato la vita per lei e torneranno belli e forti come prima.
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa