/ (Video) Il ministro degli esteri iraniano al rappresentante dell'...

(Video) Il ministro degli esteri iraniano al rappresentante dell'UE, Borrell: Mai chiedere il permesso ad un delinquente, ovvero gli Stati Uniti

 

Il ministro degli Esteri iraniano, Mohamad Javad Zarif, consiglia al capo della Diplomazia dell'Unione Europea (UE) di "non chiedere mai il permesso a un delinquente", cioè gli Stati Uniti


"Non chiedere mai il permesso a un delinquente ", ha dichiare il ministro degli Esteri iraniano durante un incontro con Josep Borrell a margine della conferenza regionale di "Raisina Dialogue" tenutasi a Nuova Delhi.

 

 
Il capo della diplomazia persiana ha denunciato, in questo modo, la sottomissione degli europei ai dettami del governo degli Stati Uniti, presieduto da Donald Trump, un paese che si è ritirato unilateralmente dall'accordo nucleare nel maggio 2018.
 
Da parte sua, il diplomatico spagnolo ha sottolineato che il Piano d'azione comune globale (PIAC o JCPOA), il nome ufficiale dell'accordo nucleare, attraversa una "situazione molto difficile" e ha promesso di affrontare i paesi europei con attivazione del meccanismo di risoluzione delle controversie del patto.

 
Martedì scorso, i tre paesi che hanno firmato l'accordo nucleare del 2015 - vale a dire Regno Unito, Francia e Germania - hanno attivato il meccanismo di risoluzione delle controversie del  patto, dopo aver accusato l'Iran di continuare a "violare le restrizioni fondamentali da esso stabilite" , una misura etichettata "errata" e "inaccettabile" dalle autorità persiane.
 
L'Iran ha ripetutamente sottolineato che si riserva il diritto di ridurre i suoi impegni nucleari, a causa della violazione dell'Europa e della uscita illegale di Washington dal PIAC, escludendo qualsiasi dialogo per raggiungere un accordo diverso da quello del 2015.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa