World Affairs/Video. Libano. Proteste di Hezbollah e Partito comunista costring...

Video. Libano. Proteste di Hezbollah e Partito comunista costringono ambasciata USA a cancellare evento

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

L'ambasciata americana  a Beirut è stata costretta a cancellare la celebrazione in programma nei pressi dell'aeroporto nell'anniversario del bombardamento del quartier generale dei Marines, aggiungendo che la cancellazione è avvenuta dopo protesta popolare che ha respinto le interferenze americane in Libano vicino al luogo della celebrazione. Alla protesta presenti membri di Hezbollah e del partito comunista libanese.

 



 
 
I manifestanti hanno condannato la visita del capo del comando centrale dell'esercito americano Kenneth Franklin McKenzie per ricordare l'attacco subito dai marines nel 1983.
 
 
 

 
 
 
Nabih Awada, ex prigioniero ha sottolineato che la protesta di oggi stanno mettendo le cose in chiaro contro chi cerca di rappresentare il carnefice come una vittima, sottolineando che esiste un consenso nazionale libanese per rifiutare l'interferenza americana negli affari del paese.
 
Da parte sua, il segretario generale della Conferenza nazionale araba, Ma'an Bashour , ha affermato che l'insistenza americana nel tenere la cerimonia riflette la costante pressione, considerando che la scelta dell'aeroporto di Beirut di tenere la sospetta cerimonia riflette il desiderio americano di isolare il Libano dai suoi vicini.
 
"La posizione odierna rappresenta la maggioranza dei libanesi che insistono sul fatto che il loro paese non sia un percorso e un quartier generale per il colonialismo e i suoi piani", ha spiegato Bashour, sottolineando che "i messaggi dell'amministrazione americana alla resistenza nella regione sono continui e Washington capisce che questa resistenza è ferma".
 
Il 23 ottobre 1983, il quartier generale occupato dalla Marina degli Stati Uniti a Beirut fu bombardato, e rimasero uccisi 241 soldati americani e l'operazione fu rivendicata da un'organizzazione "Jihad islamica".

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa