/ VIDEO. Nora Cortiñas, co-fondatrice delle Madri di Plaza de Mayo:...

VIDEO. Nora Cortiñas, co-fondatrice delle Madri di Plaza de Mayo: "Gli Stati Uniti hanno partecipato direttamente alla dittatura argentina"

 

Con oltre 40 anni di militanza, a 89 anni, Nora Cortiñas continua ad essere un esempio di perseveranza e lotta per i diritti umani. In un'intervista ha raccontato come è stata la tua battaglia in tutti questi anni, perché oggi il governo di Macri le fa paura e quanto sia importante la lotta delle donne per i loro diritti nella società argentina oggi.


Mentre la stampa e l'opinione popolare la citano con espressioni quali "la rockstardelle lotte sociali" o "la madre di tutte le battaglie" - lei presenta umilmente come "Nora, una casalinga". Pur riconoscendo che è "molto attiva per i diritti umani".
 

 
È certamente un modo modesto di presentarsi, dato che questa psicologa sociale e docente presso l'Università di Buenos Aires è anche il co-fondatrice delle Madri di Plaza de Mayo, l'associazione Argentina che ha combattuto durante la dittatura di Jorge Rafael Videla per recuperare i detenuti scomparsi e ottenere il perseguimento dei responsabili delle loro sparizioni.
 
"Continuo ad andando ovunque manchi la giustizia", dice Nora Cortinas 40 anni dopo l'inizio difficiledella sua militanza, e assicura che si sveglia ogni giorno "con l'incoraggiamento a continuare la lotta." Prima della scomparsa di uno dei suoi due figli, spiega, ha condotto la vita normale di una madre della classe media. Ma la sua sfortunata esperienza ha poi cambiato tutto.
 
La paura di prima e di adesso
 
Gli inizi delle Madri di Plaza de Mayo non furono facili.
"Siamo rimaste invisibile per molti anni", ricorda Cortiñas, spiegando che "la gente passava e guardava dall'altra parte, perché avevano paura di sapere chi eravamo e cosa cercavamo". D'altra parte, di solito non si spaventavano: "Quando uscivamo per affrontare le bestie, i miserabili repressori, non avevamo paura: eravamo determinate ad avere delle risposte", ha ricordato.
 
Ora, dice, sono i potenti a temerci. "Questo governo, di Macri, ha paura di noi", sostiene categoricamente. Ma non si riferisce esclusivamente a Las Madres de la Plaza Mayo, ma "al popolo, ai giovani, ai combattenti, agli operai". "Questo governo ha paura", ripete, sottolineando ogni parola.
 
Dagli anni della dittatura, Cortiñas sottolinea la complicità con il regime mantenuto dai media, dalla Chiesa e dalle autorità statunitensi. Queste ultime ricorda la "partecipazione diretta" e "l'ipocrisia" che ha dimostrato invitando le Madri di Plaza de Mayo alla loro ambasciata, pur essendo "manager del colpo di stato", nelle parole di proprie Cortiñas. "Lo sapevamo subito, ci siamo resi conto che avrebbero portato i dati dei nostri figli a noi", dice.
 
Fonte: Rt esp
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa