World Affairs/Video. "Se continuiamo a cercare un vaccino contro l'Ebola in Con...

Video. "Se continuiamo a cercare un vaccino contro l'Ebola in Congo, potremmo diffondere il coronavirus"

 

L'affermazione è di Daniel Bausch, direttore del gruppo di risposta rapida e sanità pubblica del Regno Unito, che lavora con l'insorgenza di malattie infettive nei paesi poveri. Il virologo si sofferma sull'impatto del Covid-19 in Africa e America Latina


Questa intervista con il medico e virologo Daniel Bausch, direttore del team Rapid Response e Health Health del Regno Unito, inizia concentrandosi su una delle regioni del pianeta più colpite dall'attuale pandemia di coronavirus, l'America Latina, nel tentativo di comprendere l'ovvio disparità tra l'incidenza del virus in alcuni paesi e altri.

 
Bausch fa riferimento a un semplice principio, ricordando che qualsiasi focolaio territoriale "ovviamente inizia con casi importati ", quando un paese ha la "sfortuna" di ricevere nel suo territorio "una persona che ha questa malattia". "Ci sono paesi che hanno purtroppo avuto casi importati molto presto, e paesi più fortunati, dove non c'erano casi importati molto presto".
 
Ma ci sono più fattori: "Ci sono anche paesi che sono più preparati e meno preparati", spiega il virologo, che sottolinea la differenza tra i governi che hanno deciso di imporre quarantene e il distanziamento sociale e altri che non lo hanno fatto. "Proprio come l'evoluzione dell'epidemia è diversa in ogni paese, anche le modalità per controllarlo sono diverse", riassume Bausch.
Per quanto riguarda le peculiarità culturali e sociali di ogni luogo, questo ricercatore ricorda che "non è possibile dire che nessuno può uscire di casa se le persone devono cercare qualcosa da mangiare", e osserva che "forse in Europa è facile rimanere in a casa e al lavoro da un computer, ma è diverso per una persona il cui compito è vendere qualcosa per strada", come spesso accade nei paesi dell'America Latina, dove il commercio informale è indiscutibilmente una parte importante dell'economia.
 
 

 
 
 
Il caso dell'Africa: la crisi "prevedibile" che non è ancora arrivata
 
Alla domanda sul presunto "caos" che una pandemia come il covid-19 potrebbe causare in Africa, con i suoi alti livelli di povertà e debole infrastruttura sanitaria, Bausch precisa: "Ad oggi non abbiamo visto un caso in Africa simile a cosa succede in Brasile o negli Stati Uniti , anche se è anche vero che per vedere un caso del genere ci deve essere la possibilità di fare abbastanza test diagnostici ". Una capacità che, tuttavia, non esiste in questo momento nel continente africano.
 
Indica anche altri possibili fattori di contenimento dei virus in questa regione del pianeta, come il fatto che "i casi importati in Africa si sono verificati anche in seguito" o il fatto che "la struttura della popolazione africana è più giovane ". "Poiché non ci sono molte persone con 70, 80 o 90 anni - specifica il medico -, ci sono meno persone vulnerabili " alla mortalità di questo virus, che si manifesta nelle fasce di età più avanzata.
 
Tuttavia, l'Africa ha le sue difficoltà endemiche. Questo ricercatore lavora allo sviluppo di un vaccino contro l'Ebola in Congo, un paese colpito anche dal coronavirus. Bausch spiega che la realizzazione degli studi necessari per il vaccino contro l'Ebola potrebbe contribuire alla diffusione di covid-19 tra la popolazione congolese, in un esempio di come la coesistenza di diverse malattie virali espande la complessità della situazione epidemiologica in una certa regione.
 
"Forse non stiamo andando così male"
 
In una fase successiva dell'intervista, Bausch riconosce che "per tutti gli esperti di tutti i paesi, si tratta di un nuovo virus, quindi non possiamo dire di sapere esattamente cosa fare ". "Ci sono caratteristiche di questo virus che non conosciamo e che dobbiamo imparare" , ipotizza il virologo.
 
"Ciò non significa che non ci siano stati errori in Inghilterra, negli Stati Uniti, in tutti i paesi", continua Bausch, "ma va anche detto che la situazione finora, sebbene sia molto grave, se la confrontiamo con l'influenza del 1918 , vediamo che il 25% della popolazione era stata infettata e ora i casi non raggiungono l'1% ".
"Visto in questo modo", conclude il ricercatore, "forse possiamo dire che stiamo affrontando questo virus insieme e non stiamo andando così male".
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa