WikiLeaks: Le condizioni di Assange in prigione non permettono la sua estradizione negli Stati Uniti

WikiLeaks: Le condizioni di Assange in prigione non permettono la sua estradizione negli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, che avrebbe dovuto essere rilasciato il 22 settembre dopo aver scontato la pena per aver violato le condizioni della cauzione, rimarrà in prigione fino alle udienze di febbraio sulla sua potenziale estradizione negli Stati Uniti.


 
WikiLeaks su Twitter ha spiegato che le condizioni carcerarie di Julian Assange gli impediscono di di prepararsi nel caso di estradizione negli Stati Uniti.
 

 
 
In precedenza, Kristinn Hrafnsson, caporedattore di WikiLeaks, aveva affermato che ad Assange era stata negata la corrispondenza, a cui erano state concesse solo due visite sociali al mese, e che si svolgeva generalmente in condizioni di maggiore isolamento.
 
Assange, che ha scontato la pena per aver violato le condizioni della cauzione e avrebbe dovuto essere rilasciato il 22 settembre, rimarrà in prigione a causa della convinzione del giudice distrettuale Vanessa Baraitser di poter "fuggire di nuovo" al momento del rilascio.
 

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti