World Affairs/WikiLeaks: Le condizioni di Assange in prigione non permettono la...

WikiLeaks: Le condizioni di Assange in prigione non permettono la sua estradizione negli Stati Uniti

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, che avrebbe dovuto essere rilasciato il 22 settembre dopo aver scontato la pena per aver violato le condizioni della cauzione, rimarrà in prigione fino alle udienze di febbraio sulla sua potenziale estradizione negli Stati Uniti.

 
WikiLeaks su Twitter ha spiegato che le condizioni carcerarie di Julian Assange gli impediscono di di prepararsi nel caso di estradizione negli Stati Uniti.
 

 
 
In precedenza, Kristinn Hrafnsson, caporedattore di WikiLeaks, aveva affermato che ad Assange era stata negata la corrispondenza, a cui erano state concesse solo due visite sociali al mese, e che si svolgeva generalmente in condizioni di maggiore isolamento.
 
Assange, che ha scontato la pena per aver violato le condizioni della cauzione e avrebbe dovuto essere rilasciato il 22 settembre, rimarrà in prigione a causa della convinzione del giudice distrettuale Vanessa Baraitser di poter "fuggire di nuovo" al momento del rilascio.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa