Xi arriva in Arabia Saudita e firma un accordo bilaterale del valore di 29,26 miliardi di dollari

Xi arriva in Arabia Saudita e firma un accordo bilaterale del valore di 29,26 miliardi di dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Prima di tutto bisognerebbe porsi una domanda: come mai gli Stati Uniti sono in ottimi rapporti con l’Arabia Saudita e in contrasto con l’Iran, mentre la Russia e la Cina sono in ottime relazioni sia con Riad che Teheran?

Quella di oggi è una giornata di svolta per il nuovo mondo multipolare che viaggia a marce forzate.

Così, il presidente cinese Xi Jinping è arrivato in Arabia Saudita oggi per una visita di tre giorni per rafforzare la cooperazione bilaterale firmando accordi del valore di 29,26 miliardi di dollari.

Il monarca del regno, re Salman, ha invitato il presidente cinese a "rafforzare i legami storici e la partnership strategica tra i due Paesi". Xi ha ricevuto un caloroso benvenuto quando il governo saudita si è coordinato con la sua forza aerea per far dipingere ai piloti i cieli di Riyadh con i colori della bandiera cinese al suo arrivo.

Il Ministero degli Affari Esteri cinese ha confermato che Xi parteciperà a tre vertici integrali; uno con delegati sauditi, uno con funzionari degli Stati arabi e il terzo con rappresentanti degli stati del CCG.

Questa visita arriva durante una crisi energetica globale causata dalle sanzioni occidentali contro la Russia per la sua operazione militare in Ucraina. Ha ostacolato il rapporto della nazione araba con Washington per la sua apparente neutralità nel conflitto.

Quest'anno, la Cina si è interessata a incorporare gli stati regionali nella sua ambiziosa iniziativa "Belt and Road".

La Belt and Road Initiative -Via della Seta è un'iniziativa economica guidata dalla Cina per collegare l'Asia, l'Africa e l'Europa attraverso reti terrestri e marittime, migliorare il commercio e promuovere la crescita.

Lunedì scorso, Algeria e Cina hanno firmato un accordo per la costruzione congiunta dell'iniziativa.

Cina e Algeria sono in buoni rapporti da quando hanno firmato un accordo simile nel 2014; quattro anni dopo, l'Algeria ha aderito al progetto cinese "One Belt, One Road" (OBOR), che cerca di rilanciare la Via della Seta ed espandere la sua influenza sul continente africano.

Il mese scorso, Doha e Pechino hanno firmato un accordo di 27 anni per l'acquisto di gas naturale liquefatto  (GNL) per un valore di 61 miliardi di dollari.

Il capo di QatarEnergy, Saad al-Kaabi, ha spiegato a suo tempo che l'accordo ha notevolmente migliorato le sue relazioni con la Cina, in quanto soddisferebbe il fabbisogno energetico di Pechino.

A ottobre, il ministro dell'Energia di Riyad ha rivelato che il suo paese e Pechino stavano lavorando per rafforzare la cooperazione energetica.

La cooperazione energetica tra i due stati ha agitato Washington, a causa della decisione dell'OPEC+ di tagliare la produzione di petrolio, lasciando gli Stati Uniti a lottare disperatamente per assicurarsi petrolio per conto dei suoi alleati europei.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti