La possibilità di una “stagnazione secolare”

La possibilità di una “stagnazione secolare”

Le condizioni depressive potrebbero essere presenti ancora per un decennio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Spesso gli ufficiali che si occupano di politica monetaria utilizzano il termine “normalizzazione”, ma i tempi che stiamo vivendo non sono normali e, sostiene oggi sul New York Times Paul Krugman, le condizioni depressive potrebbero essere presenti ancora per un decennio. Si tratta di posizioni radicali, come spesso vengono definite dai critici, ma un numero di economisti le portano avanti da anni ed oggi sono arrivate anche nel mainstream: la possibilità di una “stagnazione secolare” - uno stato persistente in cui la depressione è la norma con pochissimi episodi di pieno impiego come intervalli – è stato infatti l'oggetto di una conferenza annuale del Fmi. E la persona che si è fatta promotore di questa idea radicale è stata addirittura Larry Summers
 
Summers parte da un punto ovvio, che non viene mai compreso a dovere: la crisi finanziaria che ha dato via alla Grande Recessione è ormai dietro di noi. Ma, nonostante tutte le misure utilizzate, l'economia americana rimane ancora depressa. La ragione, sostiene il Premio Nobel per l'economia, è che già prima della crisi della bolla immobiliare e del debito privato nel 2007, che avevano spinto la spesa ma in un contesto abbastanza mediocre – mercato del lavoro non eccelso e nessuna pressione inflazionistica sufficiente. Secondo Summers, l'economia americana era anche allora in una condizione per cui la normalità era uno stato di domanda inadeguata – quasi depressivo – e che si avvicinava al pieno impiego solo attraverso la creazione di immense bolle speculative.  
 
Il debito dei proprietari immobiliari rispetto al reddito– stabile dal 1960 al 1985 e con un impennata dal 1985 al 2007 – mostrano secondo Krugman come l'economia americana sia in condizioni normali in uno stato depresso. Come può essere accuduto? Il premio nobel dell'economia fornisce due chiavi di lettura possibili. Da un lato, l'invecchiamento della popolazione: una domanda di popolazione crescente genera domande in tutti i settori come è avvenuto in America negli anni '60 e '70 con la generazione dei baby boomers che sono entrati nel mercato del lavoro. Oggi è il passato ed anche nel momento di massima bolla immobiliare, la costruzione delle case era ferma a quella degli anni '70. D'altro lato, la persistenza dei deficit commerciali, emersi dagli ani '80 e da allora aumentati progressivamente. 
 
Le Banche centrali, sostiene Krugman, devono smettere di parlare di “exit strategies.”, il credito facile sarà a disposizione per molti anni e questo significa che tutte le storie sul fallimento dei titoli del governo devono essere dimenticate. Se l'economia americana ha una tendenza marcata verso la depressione, si devono azionare le regole macroeconomiche che valgono per quella fase specifica, dove la virtù è un vizio e la prudenza una follia, perché il risparmiare ed il consolidamento fiscale rendono il futuro peggiore. Molte persone si irritano con questi discorsi che offendono la loro rettitudine e moralità, ma l'economia deve guidare la politica a prendere scelte difficili che non possono accontentare tutti. Come ha sottolineato Larry  Summers, la crisi “non è finita fino a quando non è finita” e la realtà economica deve essere il quadro di riferimento. E la realtà, conclude Krugman, è quella in cui le regole dell'economia in depressione devono essere applicate per un lungo periodo.

Le più recenti da

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti