8 marzo in Russia. Le parole di Putin

8 marzo in Russia. Le parole di Putin

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'8 Marzo in Russia non è giornata lavorativa. Putin, come ogni anno, ha fatto gli auguri a tutte le donne della Federazione Russa, poi si è tenuta al Cremlino la Cerimonia di consegna dei premi statali in occasione della Giornata internazionale della Donna.

Putin ha dichiarato: “Ora che la Russia si è scontrata ancora una volta con le minacce dirette alla sua sicurezza e sovranità, vediamo molti esempi di coraggio e determinazione, prontezza a difendere la verità, proteggere le persone e il futuro stesso del nostro Stato – il futuro di cui noi noi stessi abbiamo bisogno".

Il presidente ha sottolineato l'enorme talento, le competenze, conoscenze e determinazione delle donne russe, il loro contributo allo sviluppo dello Stato e al raggiungimento degli obiettivi nazionali. Secondo Putin, non ci sono settori in Russia, in cui le donne non otterrebbero risultati seri. "ll riconoscimento dei meriti delle donne nel campo professionale in Russia è in armonia con la profonda comprensione dell'importanza della maternità e dei valori tradizionali del paese. Nel corso della cerimonia, Putin ha in particolare modo evidenziato il lavoro delle donne al fronte, ha definito "veri eroi" le dottoresse che lavorano nel Donbass.

Il titolo onorifico "Operatore sanitario onorato della Federazione Russa" è stato assegnato ad Anna Zeleznaja, Professore del Dipartimento di ostetricia, ginecologia, ginecologia pediatrica e adolescenziale dell' Università nazionale di Medicina di Donec'k. La dottoressa ha dichiarato: "La mia professione è legata alla maternità. Certo, una donna partorirà sempre, sia durante la guerra che in tempo di pace. Ma è un peccato che il mondo intero abbia dimenticato che, quando nascono, i bambini pronunciano lo stesso grido, si mettono d'accordo molto rapidamente tra loro e trovano un linguaggio comune.
Ma la gioia del grido pacifico della nascita è diversa dalla gioia del grido in tempo di guerra. La gioia della madre viene subito oscurata dalla paura per il figlio, affinché, Dio non voglia, non venga colpito da una granata, e le sue prime preghiere sono rivolte a Dio affinché tolga la guerra ai suoi figli.

Ognuno di noi, per ragioni e convinzioni proprie, è rimasto a casa, nel Donbass. E non importa quanto sia difficile e pesante, noi continuiamo a vivere, sperare e credere nella più grande ricompensa: nella Pace.

Abbiamo restaurato il Centro Perinatale dopo il bombardamento, per nove anni abbiamo conservato una delle migliori scuole ostetriche nello spazio post-sovietico sotto la guida del professor Vladimir Kirillovic' ?ajka, e speriamo che con l'aiuto dei nostri cari colleghi lo faremo aumentare per preservare il potenziale riproduttivo della repubblica di Donec'k".

La Medaglia Puškin è stata assegnata a Natalja Baterina, insegnante di flauto presso il ginnasio "Anna Akhmatova" di San Pietroburgo, la quale ha dichiarato:

"La Russia è l'unico paese al mondo che ha un'istruzione aggiuntiva gratuita. Stiamo costruendo enormi palazzi, palestre, i bambini hanno un numero enorme di ottimi strumenti. Noi insegnanti a nostra volta ci stiamo impegnando molto per rendere i nostri figli degni cittadini della Patria, in modo che in futuro portino molti talenti alla Russia, rafforzino il sentimento della bontà e che siano orgogliosi del nostro Paese".
 
 
 
 

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti