ALEPPO E LA DISINFORMAZIONE: poche righe per abbattere il muro di falsità e menzogne

ALEPPO E LA DISINFORMAZIONE: poche righe per abbattere il muro di falsità e menzogne

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Federico Pieraccini


Giornali e tv ci raccontano che Aleppo è in queste ore teatro di atrocità commesse dai soldati e dalle milizie di Hezbollah. Provocano stragi tra i civili, massacrando anche i familiari dei terroristi che si arrendono.


Nello stesso articolo però si mostrano poi immagini di decine e decine di autobus pronti a trasportare i terroristi e le loro famiglie (circa 5.000 persone) fuori dalla città, in un'altra località come ad esempio Idlib, con il chiaro svantaggio per l'esercito siriano di ritrovarseli di fronte, armati ed equipaggiati, quando arriverà il momento di liberare Idlib.


C'è qualcosa che non torna.


Per quale motivo, posto che siano vere le atrocità attribuite ai soldati Siriani, Assad concede una tregua ai terroristi invece di sterminarli tutti ottenendo un chiaro vantaggio tattico?


Manca il nesso logico.


La tregua per fermare le ostilità, concessa ai terroristi da parte di Assad e del governo Siriano, ha un solo scopo dichiarato: fermare i morti tra i civili e la istruzione della città a causa dei combattimenti.


Questo significa che le balle raccontate dai media, nel corso degli anni, per cui Assad avrebbe ordinato al suo stesso esercito di massacrare la popolazione locale sono una meschina fabbricazione dei media occidentali volta a giustificare l'intervento straniero per rimuovere il legittimo presidente Siriano.


Peraltro, l'assunto che i soldati siriani siano degli squilibrati alla blackwater o drogati di captagon che decapitano bambini a comando è semplicemente ridicola. Ci sono decine di video in cui sono documentate le reazioni di gioia della popolazione locale, una volta liberati dalla piaga del terrorismo, grazie ai soldati Siriani e ad Hezbollah.


Ultimo aspetto. Vista la tregua concessa, è evidente che Assad non ordini al suo esercito di sterminare coloro che si arrendono, altrimenti non vedremmo i terroristi pronti ad arrendersi e file di autobus pronti a trasportarli lontani da Aleppo. Oltretutto, basterebbe documentarsi grazie alle decine di interviste, della TV di stato Siriana SANA fatte nel corso degli anni, ad ex terroristi passati dalla parte del governo.


Non serve molto. Bastano poche righe per abbattere il muro di falsità e menzogne. Riportare un po' di notizie e logica, in questo marasma di elucubrazioni mentali scritte in questi giorni sui giornali, tutto sommato, visto il livello dei presunti esperti è una missione piuttosto agevole.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti