Alessandro Orsini - Il coniglio “libberale”

Alessandro Orsini - Il coniglio “libberale”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Alessandro Orsini*

 
Il bombardamento di Gaza ha chiuso la bocca a tutti i miei detrattori della radio, della televisione e della carta stampata poiché ha reso evidente la correttezza della mia tesi ovvero che l'Occidente è una civiltà criminale, assassina e sterminatrice guidata da corrotti, criminali di guerra, massacratori di bambini musulmani, calpestatori dei diritti umani e “terroristi di Stato”, secondo la definizione suggerita dalla letteratura scientifica.

I vari Nicola Porro, Enrico Letta, Stefano Bonaccini, Maurizio Molinari, Massimo Gramellini, Beppe Severgnini, Paolo Mieli, non potranno più fare i loro gargarismi autocelebrativi sull'Occidente del tipo: “Noi siamo una civiltà moralmente superiore rispetto alla Russia, noi rispettiamo i diritti umani”.
Vi risulta che Porro e gli altri “libberali” abbiano mai condannato quel volgare criminale di guerra, terrorista di Stato e massacratore di bambini musulmani di Netanyahu?

Mi paiono in difficoltà ora che non possono più usare l’etichetta di “putiniano” contro il professor Orsini. Poverini, hanno perso il capro espiatorio della guerra in Ucraina (che è una cosa molto illiberale).

E adesso che cosa diranno i miei detrattori? Che il professor Orsini è un agente segreto dello Stato palestinese? Che prende i soldi dai palestinesi che non hanno un euro? Che fa parte di una rete di agenti segreti legata a Ramallah?

Ecco che cos'è l'Occidente: il massacro quotidiano di migliaia di bambini palestinesi innocenti che include persino il loro sterminio nelle incubatrici degli ospedali di Gaza. L'Occidente sono i bambini di Gaza amputati senza anestesia che poi muoiono dopo le operazioni chirurgiche perché non sopravvivono al dolore, come racconta il chirurgo britannico-palestinese Abu-Sitta: "A Gaza è una guerra contro i bambini. Ho operato senza anestesia: non dormo la notte.
La fine della tregua è una catastrofe".

Perché Porro non prova a dire che l’Occidente è una civiltà moralmente superiore adesso che l’Unione europea, la Casa bianca e Israele massacrano i neonati palestinesi?

Porro disse di me: “Il professor Orsini mi fa orrore”.

E pensa che cosa fanno a me gli uomini che hanno il coraggio di un coniglio sollevato per le orecchie.

Per dare un’idea delle capacità intellettive di Porro, ecco la sua tesi: “Basta! Israele è uno Stato liberale e va difeso!”.

Quindi, caro Porro, se uno Stato liberale stermina due milioni di persone innocenti noi dobbiamo difendere lo sterminio perché è uno sterminio liberale?

Quindi, o somma intelligenza, se un uomo liberale commette un omicidio noi dobbiamo difenderlo perché è liberale?

Quindi, o intelligenza suprema, se un liberale commette uno stupro, noi dobbiamo difenderlo?

Capito, Porro, in mano a chi sta il mondo dell’informazione?

Noi educhiamo i nostri giovani a ragionare in questo modo illiberale. Tu stai al liberalismo come Netanyahu sta al rispetto dei diritti umani.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti