Alessandro Orsini - Ucraina, Mario Draghi e i media italiani

Alessandro Orsini - Ucraina, Mario Draghi e i media italiani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Alessandro Orsini

Ieri notte Kiev ha subito l'attacco dai cieli più massiccio dall'inizio della guerra confermando ancora una volta la regolarità empirica che avevo annunciato allo scoppio del conflitto: "Per ogni proiettile della Nato che l'Ucraina lancerà contro la Russia, la Russia lancerà dieci proiettili contro l'Ucraina". Ovviamente il mio discorso vale anche per i missili e i droni.

Ieri notte Kiev ha subito l'attacco più massiccio sempre per quel discorso che la Russia avrebbe finito i missili dopo i primi sette giorni di combattimenti; sempre per quel discorso che la Russia sarebbe andata in bancarotta in tre settimane e noi ricchissimi a fare shopping; sempre per quel discorso che l'esercito russo è un esercito di morti di sonno che gli ucraini avrebbero sbaragliato dopo i primi sette giorni di controffensiva; sempre per quel discorso che Putin sarebbe stato rovesciato da una rivolta popolare filo-Nato. Insomma sempre per quel discorso che le mie previsioni si sono verificate tutte e che il sistema dell'informazione sulla politica internazionale in Italia è completamente corrotto.

E' stata davvero una fortuna che la Nato si sia messa in testa di assorbire l'Ucraina nel proprio seno. Oggi l'Ucraina è un Paese più ricco, più popoloso, più sicuro e anche più sovrano giacché non ha nessuna dipendenza dagli altri Paesi. Mica Kiev crolla in mezz'ora se gli Stati occidentali chiudono l'elemosina. Mica Zelensky assomiglia a Cristian De Sica con le banconote in bocca a quattro zampe in "compagni di scuola". Nooooo, macché, grazie alla Nato, l'Ucraina può guardare con serenità a un futuro luminoso.

Dobbiamo ringraziare Mario Draghi per avere fatto onore all'Italia con le sue politiche volte al bene dell'Ucraina. Mica a qualcuno viene in mente di criticare quest'uomo per avere esecrato la diplomazia e proposto di sconfiggere la Russia sul campo. Mica Draghi è uno che ha fallito in tutto come presidente del Consiglio. Noooooo, figuriamoci, mica l'informazione in Italia è stracorrotta come nelle dittature. Vuoi mettere che poi Draghi magari diventa presidente della Repubblica. Mica qualcuno chiede conto delle politiche strafallite di Draghi in Ucraina. Nooooo, noi siamo una società libera. E' davvero ingiusto che i leader che hanno promosso politiche così distruttive per l'Ucraina non vengano nemmeno criticati.


Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti