Alla British Foundation, il capo della CIA rivela la strategia del regime change degli USA in Russia

Alla British Foundation, il capo della CIA rivela la strategia del regime change degli USA in Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Jeremy Kuzmarov - CovertAction

Mentre la controffensiva ucraina continua a blabettare , il 1° luglio il direttore della CIA William J. Burns ha tenuto un discorso alla British Ditchley Foundation, rivelando la strategia statunitense di regime change in Russia.

Il discorso, intitolato "Un mondo trasformato e il mondo dell'intelligenza", è disponibile qui .

La Ditchley Foundation , una forza dell'intelligence britannica, è stata fondata nel 1958, nell'Oxfordshire per promuovere i rapporti di lavoro anglo-americani e ha collegamenti con la monarchia britannica.

Burns ha affermato nel discorso che “la disaffezione per la guerra [in Ucraina] continuerà a rosicchiare la leadership russa sotto la dieta costante della propaganda di stato e della repressione praticata. Quella disaffezione crea un'opportunità irripetibile per noi della CIA, un servizio di intelligence umana al centro. Non lo sprecheremo…”

Questi commenti chiariscono che la CIA sta attivamente cercando di capitalizzare la disaffezione per la guerra ucraina in Russia per reclutare nuove risorse dell'Agenzia tra l'opposizione anti-Putin e intensificare i suoi sforzi per il cambio di governo.

Nel marzo 2022, il presidente Biden ha ammesso in un discorso a Varsavia che gli Stati Uniti stavano cercando, attraverso la loro guerra per procura contro la Russia, di rovesciare il governo di Putin.

Nel 2021, il National Endowment for Democracy (NED), una propaggine della CIA che ha contribuito a mobilitare i gruppi di opposizione per realizzare rivoluzioni colorate progettate per insediare leader filo-occidentali/filo-NATO nei paesi dell'Europa orientale, ha fornito quasi 12 milioni di dollari in sovvenzioni all'anti -Forze di Putin in Russia e per sostenere la propaganda anti-Putin, rispetto ai 10,67 milioni di dollari del 2020.

In passato, il NED ha finanziato un'organizzazione che impiega Alexei Navalny, una figura dell'opposizione che sostiene i movimenti separatisti regionali che indebolirebbero la Russia; la Russian-Chechen Friendship Society, il cui direttore è stato condannato nel 2008 per istigazione all'odio etnico o razziale; e un leader tartaro di Crimea, Mustafa Dzhemilev, che la Russia ha accusato di aver contribuito a coordinare un blocco energetico e alimentare della Crimea dopo aver votato per ricongiungersi alla Russia nel marzo 2014 a seguito di un colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti in Ucraina.

Un procuratore russo ha definito il corpo legislativo dei tartari di Crimea, di cui Dzhemilev faceva parte,  "burattini nelle mani di grandi burattinai occidentali che hanno usato il popolo tartaro di Crimea come pedine nel loro gioco".

Il gioco attuale della CIA, come ha chiarito Burns nel suo discorso, è usare l'Ucraina come delega e strumento per tentare di destabilizzare e indebolire il governo di Putin.

Ciò deve essere ottenuto portandolo la Russia in un pantano - come con i sovietici in Afghanistan negli anni '80 - e aumentando le sanzioni che potrebbero paralizzare l'economia russa. La disaffezione deve essere ulteriormente seminata denigrando ripetutamente Putin e glorificando i suoi avversari.

Putin è stato preso di mira perché ha cercato di rivitalizzare il potere russo dopo il crollo dell'Unione Sovietica e ha iniziato a riaffermare il controllo russo sulla sua economia dopo un periodo di saccheggi e penetrazione economica straniera sotto Boris Eltsin (1991-2000).

Eltsin aveva stretto una forte relazione con il presidente Bill Clinton negli anni '90, in un momento in cui stava trasformando la Russia in fondamentalmente una neo-colonia dell'Occidente.

Le élite statunitensi hanno visto un'incredibile opportunità dopo il crollo dell'Unione Sovietica per dominare la regione eurasiatica, che Zbigniew Brzezinski ha descritto nel suo influente libro, The Grand Chessboard , come la chiave del dominio globale.

Quando Putin ha iniziato a contrastare questi piani e ha adottato misure per rafforzare l'esercito e l'economia della Russia, è diventato il nemico pubblico numero 1.

Burns nel suo discorso ha evidenziato il suo intenso interesse per l'ammutinamento di Prighozin/Wagner, che le prove suggeriscono sia stato fomentato indirettamente, o forse direttamente, dai servizi segreti ucraini o dall'MI6 britannico, che lavorano entrambi in stretta collaborazione con la CIA.

Burns è stato eccessivamente ottimista nella sua valutazione del successo della strategia statunitense in generale.

Nonostante la disaffezione di cui parlava, la CIA è ben consapevole che la popolarità di Putin è aumentata dall'inizio dell'operazione militare speciale in Ucraina.

La maggior parte dei russi crede che gli Stati Uniti e l'Ucraina abbiano provocato la guerra e che la Russia abbia dovuto badare ai propri interessi di sicurezza e difendere l'assediata popolazione di lingua russa dell'Ucraina orientale che era stata soggetta a bombardamenti e invasioni dopo il colpo di stato di Maidan del 2014.

Quella che Burns vede come un'opportunità irripetibile per reclutare risorse dell'Agenzia e far avanzare il cambio di regime è davvero chimerica in quanto tale.

È parte integrante di una fantasia abbracciata dalle élite anglo-americane che non possono vedere che i tempi sono cambiati e che l'era dell'egemonia anglo-americana è finita.

 

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Quando il bonus è un malus di Giuseppe Giannini Quando il bonus è un malus

Quando il bonus è un malus

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti