DIFESA E INTELLIGENCE/Alto ufficiale USA segnala che tagli al programma F-35 sono sul t...

Alto ufficiale USA segnala che tagli al programma F-35 sono sul tavolo

 
 

Si fanno sempre più probabili le possibilità che in futuro gli Stati Uniti decidano di operare un taglio al programma F-35. Il caccia da combattimento stealth tanto all’avanguardia quanto costoso e inefficiente. 

 

Il comandante della marina, il generale David Berger, ha detto ai giornalisti che crede fermamente nelle capacità offerte dall'F-35, in particolare il modello Jump-jet B favorito dal servizio. Tuttavia, Berger ha chiarito che non è legato a piani di approvvigionamento a lungo termine, in un momento in cui il corpo sta perdendo missioni legacy mentre si concentra su un servizio principalmente incentrato sulla Marina.

 

“Sto segnalando al settore, dobbiamo essere pronti ad adeguarci mentre l'ambiente operativo si adatta. In questo momento, il programma rimane lo stesso, ma dovremo - dobbiamo - adattarci all'avversario e dobbiamo adattarci all'ambiente operativo in cui siamo sfidati a trovarci”.

 

Berger ha notato che una revisione dovrebbe essere completata nei prossimi mesi. La sua guida alla pianificazione del corpo ha già cambiato il numero di aerei presenti in ogni squadra F-35, da 16 a 10.

 

I piani di lunga data prevedono che i Marines acquistino 353 F-35B e 67 F-35C. 

 

"Non c'è niente di simile”, ha dichiarato Berger. “Gamechanger è una specie di frase abusata, ma io sono un grande sostenitore dell'F-35 e delle sue capacità”. 

 

In linea di massima, ha detto Berger, ciò che guiderà quanti F-35 ci saranno in futuro in uno squadrone, o quanti il Corpo alla fine acquisterà, si riduce alla manutenzione - un problema di vecchia data per il caccia furtivo.

 

“Se la prontezza alla manutenzione dell'F-35 si rivela molto, molto forte, ovviamente, come qualsiasi altro sistema, ne hai bisogno di meno, perché sempre più ne sono attivi. D'altra parte, se si scopre che non è così, allora avrai bisogno di più caccia, per tenere conto di quelli che sono in riparazione”, ha specificato.

 

A complicare questo problema è quella che ha chiamato la catena di approvvigionamento "unica" per il jet, che in teoria consente alle parti di fluire da tutto il mondo, al contrario della tradizionale fornitura basata negli Stati Uniti.

 

"In tutti gli aspetti, sappiamo assolutamente che impareremo lungo la strada e, se è il caso, faremo aggiustamenti" a livello di squadra o di acquisto complessivo, ha detto Berger. "Ma non è affatto una mancanza di fiducia”. 

Fonte: Defense News
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa