Avvertimento per Israele: La Siria aumenta postazioni militari vicino al Golan

Avvertimento per Israele: La Siria aumenta postazioni militari vicino al Golan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'esercito siriano ha schierato un massiccio numero di soldati su postazioni militari di nuova costituzione alla periferia della città di Maariya, a sud-ovest della regione del bacino strategico dello Yarmuk, all'estremo nord-ovest della provincia di Daraa, al confine con la Giordania e nelle aree circostanti il e alture del Golan siriane occupate, ha riferito l' agenzia di stampa ufficiale SANA .

Negli ultimi giorni, Daraa ha assistito all'aumento della presenza militare dell'esercito siriano per porre fine al terrorismo e riportare la pace.

Il 25 luglio, il governo siriano, presieduto da Bashar al-Asad, ha raggiunto un accordo per cessare le ostilità con i gruppi armati di opposizione a Daraa (sudovest).

In base al patto, il governo di Damasco ha accettato di porre fine all'assedio dei gruppi armati e delle cellule estremiste con sede a Daraa, in cambio della consegna di armi pesanti e leggere da parte di oppositori e terroristi.

 

Giovedì scorso, unità dell'esercito siriano sono entrate nelle città di Tal Shihab e Zaizoun nella campagna di Daraa nel tentativo di sradicare i resti dei terroristi che operano nel sud della Siria.

Di fronte all'avanzata dell'esercito siriano verso le postazioni degli estremisti, decine di miliziani dell'opposizione, uomini armati, elementi ricercati e disertori dal servizio militare hanno consegnato le armi all'esercito siriano nella città di Dael (situata 14 chilometri a nord di Daraa ), a seguito di una tregua firmata ad agosto con il governo di Damasco, ha aggiunto SANA .

Stabilire il pieno controllo del governo su Daraa è di fondamentale importanza in quanto confina con le alture del Golan occupate, che Israele ha utilizzato per fornire aiuti ai gruppi armati che combattono il governo siriano dal 2011.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO