/ Basi militari ovunque: Ecco dove si trovano gli avamposti degli ...

Basi militari ovunque: Ecco dove si trovano gli avamposti degli Stati Uniti vicino all'Iran

 

Le tensioni tra Washington e Teheran sono aumentate questa settimana dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato lo schieramento di navi anfibie, portaerei, missili Patriot, bombardieri B-52 nella regione e hanno avvertito che Washington avrebbe risposto all'Iran con "forza inesorabile" se la Repubblica Islamica avesse minacciato gli interessi degli Stati Uniti.


Il Pentagono ha raddoppiato lo schieramento del suo gruppo d'attacco venerdì scorso, dicendo che avrebbe rinforzato le sue risorse del comando del Medio Oriente con ulteriori batterie di difesa missilistica Patriot, una nave d'assalto anfibia piena di marines e un'altra ancora per integrare quella di recente schierata, ovvero la USS Abraham Lincoln e diversi bombardieri strategici B-52 con capacità nucleare.
 
L'Iran ha respinto  sia le minacce di Washington che l'offerta simultanea del presidente Trump di negoziare con la leadership del paese, con un vice comandante delle Guardie rivoluzionarie iraniane che ha avvertito gli USA sul fatto si sono sbagliati se hanno pensato di intimidire Teheran con minacce e sanzioni.
 
Gli alti funzionari senior statunitensi hanno affermato che l'accumulo di truppe costituiva una risposta al comportamento iraniano. Il Segretario alla Difesa Patrick Shanahan lo ha definito come un "riposizionamento prudente delle risorse in risposta all'indicazione di una minaccia credibile" da parte delle forze iraniane. Il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton ha detto che la mossa è stata una reazione "a un numero di indicazioni e avvertimenti preoccupanti e intensificanti" e mirava a inviare "un chiaro e inconfondibile messaggio a [Teheran] che qualsiasi attacco agli interessi degli Stati Uniti oa quelli di i nostri alleati incontreranno una forza inesorabile ".
 
Tuttavia, alla luce della vasta rete di basi che gli Stati Uniti che circondano l'Iran da praticamente tutte le direzioni, vale la pena chiedersi quale sia il reale obiettivo degli Stati Uniti nell'attuale escalation. Perché anche senza questi nuovi schieramenti, gli Stati Uniti hanno già migliaia di truppe che circondano la Repubblica Islamica.
 
La quinta flotta della US Navy, la cui area di responsabilità include il Medio Oriente e il Nord Africa, ha almeno 7.000 soldati statunitensi nella sua base permanente in Bahrain. In Kuwait, nel frattempo, il Comando Centrale dell'Esercito degli Stati Uniti ha il suo posto di comando, dove si trovano circa 13.000 soldati.
 
La base aerea di Al Dhafra di Abu Dhabi negli Emirati Arabi Uniti contiene oltre 5.000 addetti degli Stati Uniti, mentre l'imponente base aerea di Al Udeid del Qatar ha circa 10.000 soldati statunitensi.
 
Insieme alle basi, gli Stati Uniti hanno truppe di forze speciali che operano nello Yemen, mentre in Iraq, Afghanistan e Pakistan si trovano altre migliaia di soldati, anche se alcuni politici a Baghdad hanno recentemente minacciato di sfrattare i circa 5.200 soldati nel loro paese.
 
Insieme alle basi, gli Stati Uniti hanno anche accesso a una vasta serie di "luoghi di sicurezza cooperativa" più piccoli, noti anche come "ninfee" con più o meno 200 truppe, così come l'accesso ad aeroporti e porti in paesi come l'Oman, l'Arabia Saudita , Turchia ed Egitto.
 
 

 
Sabato, l'Ambasciatore iraniano presso l'Onu Majid Takht Ravanchi ha accantonato le accuse degli Stati Uniti sull'Iran che rappresenta una minaccia per le forze statunitensi in Medio Oriente, accusando l'amministrazione Trump di usare "false intelligence". 
"Queste sono tutte accuse che vengono prodotte dalle stesse persone che, nel periodo antecedente all'invasione americana dell'Iraq, hanno fatto lo stesso", ha detto Ravanchi, probabilmente riferendosi al ruolo di John Bolton nel promuovere l'invasione durante il suo lavoro come consigliere dell'amministrazione del presidente George W.
Bush.
 
Data la presenza di truppe statunitensi in basi praticamente in tutti i vicini di Teheran, forse sono i leader dell'Iran che dovrebbero essere quelli che si lamentano di "minacce credibili" e "indicazioni per l'escalation".
 

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa