/ Basta chiedere elemosine ai criminali Usa, è il momento di fermar...

Basta chiedere elemosine ai criminali Usa, è il momento di fermarli. "Il Venezuela è nostra sorella."

 

Appello del filosofo Andre Vltchek: "Non siete un poliziotto globale, ma un criminale che deve essere fermato!


di Andre Vltchek* 
 

Adesso basta! Ci sono state un sacco di chiacchiere e conferenze sulla pace, più che sufficienti per chiedere sempre la stessa elemosina: "Per favore, Occidente, smetti di uccidere le persone, ferma i tuoi genocidi, smetti di rubare tutti i continenti delle loro risorse, smetti di schiavizzare miliardi!"

 
Guardate dove ha portato! Da nessuna parte. Assolutamente da nessuna parte. Più le persone supplicavano, più protestavano, più forte era l'Occidente a colpire.
 

I governanti di Washington, Londra e Parigi non hanno pietà. Non hanno il senso della giustizia. Loro conoscono solo avidità e potere.
 

Il 13 febbraio 2019, RT ha riferito:
 
"Gli Stati Uniti hanno rivendicato metà del mondo, poiché il presidente della Commissione dei servizi armati del Senato Jim Inhofe ha detto che Washington potrebbe intervenire in Venezuela se la Russia osa creare una base militare non solo lì, ma "nel nostro emisfero "."
 

"Il nostro emisfero"!
 
Alla fine, è tutto allo scoperto. La buona vecchia 'Dottrina Monroe'. Nell'emisfero occidentale (che è ovviamente di proprietà degli Stati Uniti), non esiste un solo paese "latino" dove l'Occidente non ha rovesciato il governo, dove non ha violentato la volontà della gente, dove non ha fermato il socialismo. Dalla Repubblica Dominicana al Cile!
 
 
Sapete perché abbiamo il fascismo in Brasile, in Colombia e altrove? Perché i nostri leader di sinistra sono stati assassinati o imprigionati.
 
Il record delle violazioni dei diritti umani è mostruoso. Il cinismo di ciò che sta accadendo è ugualmente ripugnante.
 
E ora, Washington mette fondamentalmente in guardia la Russia e gli altri: non osate avvicinarsi e aiutare i tuoi amici e alleati nella regione! Restate indietro e osservate da una distanza di sicurezza, come violiamo uno dopo l'altro. E se osi intervenire, colpiremo ancora di più le vittime. Non violeremo solo il Venezuela: la scaleremo con le nostre scarpette militari, le metteremo le pallottole tra le braccia e le gambe, le cateneremo come abbiamo fatto con gli schiavi africani che hanno costruito il nostro paese! Possiamo farlo, perché gli europei, quei colonialisti il ??cui sangue scorre nelle nostre vene, e quelle élite sudamericane, che sono dello stesso ceppo come noi, si sederanno di nuovo nei loro caffè e sui loro divani, godendosi lo spettacolo, applaudendoci dalla distanza!
 
Questa dovrebbe essere l'ultima goccia. No, non più parole, per favore. Azione! Questo banditismo, questo terrorismo deve essere fermato.

Signor Trump, Signor Inhofe, siate dannati! Le persone non sono bestiame e non sono schiavi. Li hai trattati come animali, li hai ingannati, derubati di tutto; tu e la tua specie, per decenni e secoli. Ma perfino tu devi esserne consapevole o almeno sospettarlo: tutta questa atrocità deve finire; un giorno, molto presto!
 
 
RT ha commentato:
 
Inhofe ha detto che un flusso di truppe o armi russe nell'emisfero occidentale "sarebbe una minaccia per gli Stati Uniti d'America".

Gli Stati Uniti, nel frattempo, leggono da un altro manuale.
Gli Stati Uniti mantengono quasi 800 basi militari in oltre 70 paesi in tutto il mondo, con un punto d'appoggio in ogni continente. E, mentre Inhofe vuole mantenere un intero emisfero libero dall'influenza russa, gli Stati Uniti sono attualmente in trattative per stabilire una base militare permanente in Polonia, proprio alle porte della Russia. Data la lunga storia di ostilità tra la Polonia e la Russia, il governo polacco ha offerto di spendere oltre 2 miliardi di dollari per istituire la base.
Più lontano, nessun emisfero è fuori dalla portata degli Stati Uniti. L'esercito americano divide il globo in sei "Aree di responsabilità" del Comando Combattente, che mantiene in tempo di pace e di guerra. La Russia, nel frattempo, divide il suo territorio in quattro distretti militari, tutti entro i propri confini.
 
Chi è d'accordo su questo doppio standard malato? Chi ha dato il via libera a questo terrore? Francia, Germania, Regno Unito e pochi altri paesi occidentali / beneficiari? È questo che vuole la Cina, che l'India accetta?
 
Il Venezuela è nostra sorella.
È la sorella di Russia e Cuba, dell'Iran, della Bolivia e persino della Cina.
 
Questo è veramente un momento decisivo.
 
Compromessi e debolezze del passato hanno spezzato il collo della lotta antimperialista; i compromessi durante le ere di Gorbaciov e di Eltsin portarono alla distruzione dell'Afghanistan, della Jugoslavia, dell'Iraq e di molti altri paesi. La storia non dovrebbe mai ripetersi!
 
La ragione non è ciò che ci si può aspettare dall'Occidente. Controllava il mondo intero attraverso il colonialismo, e ora cerca di fare lo stesso con il teppismo imperialista.
 
Se non viene fermato, assoggetterà di nuovo il nostro intero pianeta.
 
Russia, Cuba, Cina, Iran e altri devono difendere il Venezuela! Se necessario, dovrebbero lottare per il paese! Persone decenti e paesi decenti non dovrebbero negoziare con banditi brutali e senza pietà. Non dovrebbero sentirsi dire dai briganti cosa fare e come comportarsi; quali azioni intraprendere!
 
Non ci dovrebbero essere più doppi standard, se vogliamo che la nostra umanità sopravviva.
 
Per anni e secoli, l'Occidente ha spinto; sta cercando di vedere, fino a che punto può andare e con che cosa può farcela. Se non viene fermato, prenderà tutto. Se i paesi non occidentali non combattono per i loro diritti all'unisono, proteggendosi a vicenda, torneranno nel luogo in cui erano prima - alla schiavitù. Non è una fantasia - basta guardare la mappa del mondo del primo Novecento! Abbiamo già vissuto questa situazione sulla nostra Terra.
 
In Venezuela, se dobbiamo combattere, combatteremo per Johannesburg e Mosca, Pechino e L'Avana, per Teheran, Damasco e Città del Messico. Lotteremo contro l'oppressione, la schiavitù e il colonialismo.
 
Grazie per la tua onestà, signor Inhofe! Le tue parole suonano molto familiari: le abbiamo sentite prima, a Londra, Parigi, Berlino e Pretoria.
 
E questa è la nostra risposta a voi: "Non siete un poliziotto globale, ma un criminale che deve essere fermato!" E presto, l'umanità  maledirà voi e la vostra sanguinosa degenerazione imperialista finirà!
 
 
*
 
Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Four of his latest books are China and Ecological Civilization with John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism, a revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his groundbreaking documentary about Rwanda and DRCongo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and the Middle East, and continues to work around the world. He can be reached through his website and his Twitter.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa