Biden “è deluso” dai piani di Xi Jinping

Biden “è deluso” dai piani di Xi Jinping

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente statunitense, ieri, ha espresso domenica la sua insoddisfazione per la notizia secondo cui il suo omologo cinese probabilmente non parteciperà al prossimo vertice del Gruppo dei Venti (G20), che si terrà il 9 e 10 settembre a Nuova Delhi (India).

"Sono deluso, [...] ma riuscirò a vederlo", ha detto Joe Biden ai giornalisti, senza fornire ulteriori dettagli su dove e quando prevede di incontrare Xi Jinping.

La settimana scorsa, l’agenzia Reuters ha riferito che il premier Li Qiang dovrebbe rappresentare Pechino in questo incontro ad alto livello. Da parte sua, il Ministero degli Esteri cinese ha confermato, oggi, la partecipazione di Li "su invito" del governo indiano. 

In precedenza, si è saputo  che Vladimir Putin non avrebbe partecipato al vertice. Secondo quanto riferito, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov guiderebbe la delegazione russa all'evento.

L'ultimo incontro tra Biden e Xi

L'ultimo incontro tra Joe Biden e Xi Jinping ha avuto luogo nel novembre 2022 nell'ambito del vertice del G20 che si è tenuto sull'isola indonesiana di Bali. Il presidente nordamericano aveva ribadito allora che il suo Paese avrebbe “continuato a competere vigorosamente con la Cina”, ma che questa competizione “non doveva trasformarsi in conflitto”.

Da parte sua, il presidente cinese ha sottolineato che è necessario impostare la rotta giusta per le relazioni tra Cina e Stati Uniti e metterle su una traiettoria ascendente. Xi ha anche ribadito che la questione Taiwan è la “prima linea rossa” da non oltrepassare nei rapporti tra Pechino e Washington.

Alla fine di giugno di quest'anno, Biden aveva assicurato che intendeva incontrare a breve termine il suo omologo cinese nonostante lo avesse definito in un comunicato un "dittatore".

L’avvertimento di Washington a Pechino: “la pazienza delle nostre aziende sta finendo”

Intanto, le schermaglie sul commercio non sembrano cessare. Il ministro del Commercio degli Stati Uniti, Gina Raimondo, ha avvertito, ieri, in un'intervista al canale CBS News che la pazienza degli investitori americani sta finendo per quanto riguarda  le condizioni commerciali a Pechino , che, secondo lei, dovrebbero essere "prevedibili ed eque."

Raimondo, che quattro giorni fa era in visita nella capitale cinese con l'obiettivo di cercare di allentare le tensioni tra i due Paesi, ha dichiarato che, nonostante siano stati fatti "progressi" su questo tema, "non ci potrà essere fiducia finché le autorità cinesi non seguiranno mantenere le loro promesse di affrontare le preoccupazioni di Washington." 

In particolare, la funzionaria, che ha tenuto a Pechino i primi colloqui di un ministro del Commercio americano con la Cina in cinque anni, denuncia che il contesto imprenditoriale cinese è diventato sempre più ostile nei confronti delle aziende statunitensi, in quanto negli ultimi mesi sono state oggetto di blitz e multe infondate.

Durante la sua visita in Cina, che rientra nel tentativo dell'amministrazione Biden di ricucire i rapporti con Pechino, ostacolati dal conflitto in Ucraina e dalle crescenti tensioni attorno a Taiwan, Raimondo ha assicurato che le aziende americane sono molto interessate a far funzionare questi rapporti. "Vogliamo con loro un rapporto economico ampio e stabile, ma devono rispettare le regole", ha ricordato Raimondo, il quarto funzionario della Casa Bianca a visitare Pechino quest'estate.

Pechino denuncia la mancanza di coerenza degli Usa

Da parte sua, il governo cinese ha ricordato che l’elenco delle sanzioni commerciali degli Stati Uniti non si adatta al loro discorso di non dissociarsi dalla Cina e di stabilire una relazione stabile tra i due paesi. 

Durante gli incontri della scorsa settimana, il ministro cinese del Commercio Wang Wentao ha spiegato che le misure unilaterali e protezionistiche come i sussidi discriminatori e le restrizioni bilaterali agli investimenti imposte dagli Stati Uniti sono contrarie alle leggi del mercato e della concorrenza leale. 

Wang ha assicurato che la cooperazione reciproca è necessaria per favorire gli scambi economici e commerciali tra i due Paesi, invece di avvantaggiare solo una delle parti in base al concetto di sicurezza nazionale.

 

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti