Biden ha bisogno del petrolio saudita e ratifica il sostegno militare a Riad

Biden ha bisogno del petrolio saudita e ratifica il sostegno militare a Riad

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, ha sottolineato, ieri, che l'Arabia Saudita è un "partner strategico" degli Stati Uniti "da quasi 80 anni", quindi non c'è dubbio che importanti interessi americani "sono intrecciati" con quelli del regno saudita, ha ribadito.

Queste dichiarazioni sono state da rese Jean-Pierre durante una conferenza stampa, dove ha assicurato che il Paese nordamericano è "impegnato" ad offrire aiuto all'Arabia Saudita per difendere il proprio territorio, poiché a suo avviso il suolo arabo è stato oggetto di centinaia di attacchi nel corso dell’anno scorso portati “da missili yemeniti e aerei senza pilota (droni)”.

Magari avrebbe potuto specificare che dallo Yemen si difendono dall’aggressione saudita che dura dal 2015 con armi ben più potenti, soprattutto Made in USA.

Inoltre, ha ricordato che “Il presidente [Joe Biden] ha anche più volte confermato l'impegno degli Stati Uniti a sostenere l'Arabia Saudita nella difesa del proprio territorio [...] lo vede come un partner importante in una serie di iniziative su cui stiamo lavorando, sia nella regione che in tutto il mondo”.

Washington sta cambiando rotta verso Riad a causa della crisi petrolifera?

Biden e il principe ereditario saudita Muhammad bin Salman (MBS) hanno programmato di incontrarsi il prossimo luglio, sarebbe la prima visita il presidente dei democratici con il leader saudita de facto da quando il primo è entrato in carica.

Durante la sua candidatura, Biden aveva promesso di trattare il regno saudita come un "paria" a causa delle violazioni dei diritti umani, in particolare dello scandaloso omicidio nel 2018 del giornalista Jamal Khashoggi presso il consolato saudita nella città turca di Istanbul.

Tuttavia, tra l'impennata dei prezzi del petrolio e l'inflazione record nel suo Paese a causa del conflitto militare in corso tra Russia e Ucraina, il presidente degli Stati Uniti è stato costretto a fare una svolta di 180 gradi verso Riad, ricostruendo le relazioni con il Paese arabo.

Il rappresentante del Congresso Usa, Adam Schiff, ha condannato l'attesa visita di Biden presso le autorità saudite di domenica scorsa, pur sottolineando che è meglio che Washington prenda le distanze dal petrolio “per non avere despoti e assassini al comando”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti