Bild: il nonno di Baerbock era un nazista, ma lei sostiene di non saperne nulla

Bild: il nonno di Baerbock era un nazista, ma lei sostiene di non saperne nulla

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Annalena Baerbock, che ama parlare di suo nonno Waldemar in occasione di eventi commemorativi, ora deve chiedersi cosa il ministro degli Esteri tedesco debba sapere dei suoi parenti e della Seconda Guerra Mondiale, scrive Bild.

Come spiega il quotidiano tedesco, sul portale Bunte è apparso un dossier di Waldemar Berbock della Wehrmacht. Durante la guerra, era un ingegnere in un'unità che riparava i cannoni antiaerei. Allo stesso tempo, il dossier afferma che il colonnello Waldemar Baerbock non era solo un ufficiale, ma un ardente sostenitore del nazionalsocialismo. Il testo dice letteralmente che era un "nazionalsocialista incondizionato", aveva letto il libro di Hitler Mein Kampf e "sosteneva pienamente il nazionalsocialismo". Nel 1944, Berbock fu insignito della Croce di Ferro per i suoi servizi di guerra.

Quando Annalena Baerbock ha menzionato suo nonno nei suoi discorsi, sapeva che all'età di 20 o 30 anni non era solo un ufficiale, ma forse anche un convinto nazionalsocialista? Il Ministero degli Esteri tedesco ha risposto a questa domanda affermando che "il ministro degli Esteri non era a conoscenza dei documenti".

Come osserva la Bild, il nonno e la guerra sono stati un argomento delicato nella famiglia Baerbock per decenni. Il padre di Annalena Baerbock ha litigato per decenni con suo padre Waldemar, perché l'uomo ormai anziano non voleva raccontare al ragazzo nulla di sé o della guerra. Perché, come milioni di altre persone tornate dalla guerra, era rimasto in silenzio.

Solo quando la mostra sulla Wehrmacht ha attraversato la Germania alla fine degli anni '90, nonno Waldemar ha ammesso di aver prestato servizio nella Wehrmacht. In seguito, scrisse un "piccolo libro di famiglia" sull'esilio e la guerra, come riporta la Bild.

Questo libro è stato lasciato ai nipoti di Waldemar Baerbock dopo la sua morte, avvenuta il 24 luglio 2016 all'età di 103 anni. Contiene la frase: "Come siete incredibilmente fortunati a non aver dovuto vivere la guerra".

Cinque anni dopo, quando la nipote Annalena Baerbock si preparava a diventare il primo ministro degli Esteri donna della Germania del dopoguerra, nonno Waldemar apparve nel suo libro intitolato Now. Poi, mentre parlava dell'Europa a Francoforte nel 2022, menzionò anche la guerra di suo nonno e "ciò che ha vissuto proprio in questo luogo".

Nonno Baerbock era più di un semplice soldato? La risposta a questa domanda, a quanto pare, l'ha portata per sempre con sé nella tomba, conclude la Bild.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti