Bill Gates e la Johns Hopkins University "simulano" la prossima pandemia

Bill Gates e la Johns Hopkins University "simulano" la prossima pandemia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Riprendiamo dal sito del Center for health security della Johns Hopkins university: “Il Johns Hopkins Center for Health Security, in collaborazione con l’OMS e la Bill & Melinda Gates Foundation, ha condotto Catastrophic Contagion, un esercitazione da tavolo sulla pandemia svolto nell’ambito del Grand Challenges Annual Meeting di Bruxelles, in Belgio, il 23 ottobre 2022″.

…una squadra fortissimi

“Lo straordinario gruppo di partecipanti era composto da 10 attuali ed ex ministri della sanità e alti funzionari della sanità pubblica provenienti da Senegal, Ruanda, Nigeria, Angola, Liberia, Singapore, India, Germania, con la presenza di Bill Gates, co-presidente del Bill & Melinda Gates Foundation“.

“L’esercitazione ha simulato una serie di riunioni del comitato consultivo di emergenza sanitaria dell’OMS impegnato ad affrontare una pandemia immaginaria ambientata nel prossimo futuro”.

“I partecipanti si sono confrontati su come rispondere a un’epidemia localizzata in una parte del mondo che si è poi diffusa rapidamente sviluppando in una pandemia, con un tasso di mortalità più elevato del COVID-19 e che colpisce in modo massiccio bambini e giovani”.

Non ci sarebbe che da rallegrarsi per un’iniziativa tanto lodevole, se non che il pregresso non aiuta in tal senso. Uno studio analogo, con gli stessi protagonisti, cioè il Johns Hopkins Center for Health Security e la Bill & Melinda Gates Foundation si produssero in un’esercitazione simile prima che si scatenasse il Covid-19.

Non portò fortuna. E, peraltro, immaginare che a gestire la prossima pandemia, sempre se ci sarà (ma certe profezie tendono ad auto-avverarsi), siano gli stessi personaggi che hanno gestito quella recente mette i brividi, per l’approssimazione e gli evidenti, tragici, errori, per non dire altro, che si sono registrati nella gestione della pandemia Covid-19.


Errori colposi?

Basti pensare, solo per fare un esempio, alla raccomandazione iniziale di non usare gli anti-infiammatori, un diktat, più che un consiglio (chi suggeriva di usarli veniva castigato duramente), che non solo non aveva alcuna evidenza scientifica, come si è dimostrato successivamente, ma che risulta incomprensibile nella sua genesi.

Prima di sconsigliare una cura praticata da tempo nelle infiammazioni delle vie respiratorie, infatti, qualcuno doveva aver fatto un qualche studio che ne avesse accertato la loro nocività per gli affetti da Covid-19. Ma se si fosse fatto uno studio simile, sarebbe stato appurato il contrario, come dimostra la prassi successiva.

Così si è impedito a lungo ai medici di tutto il mondo di curare i propri pazienti con tale farmaco in base a mere supposizioni, a pensar bene (e a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina).

Il fatto che le stesse persone e gli stessi organismi internazionali stiano studiando come gestire la prossima emergenza pandemica evidenzia come il sistema sanitario globale sia gestito da irresponsabili, dove quell’irresponsabili va inteso nel senso che non sono chiamati a render conto delle proprie azioni, al contrario dei dirigenti di altri settori. E ciò non rassicura affatto, date le tante vite e i tanti lucrosi interessi in gioco.

Di ieri il tweet di Elon Musk che ha fatto infiammare il mondo: “I miei pronomi sono incriminate/Fauci”. Il fromboliere della tesla ha un modo tutto suo di dire le cose, ma nel caso specifico non è un battitore libero.

Tanti, anche in ambiti di potere, hanno fatte proprie le domande emerse da ogni dove in questi anni pandemici e chiedono risposte che finora non ci sono state.

Non si tratta solo di fare chiarezza riguardo al passato (un processo che non dovrebbe spaventare, come sembra, scienziati di chiara fama che siano consapevoli di aver fatto tutto il possibile). Ma anche e soprattutto di evitare errori futuri. La notizia di cui alla nostra nota urge in tal senso.

 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note è un blog a cura di Davide Malacaria. Questo il suo canale Telegram per tutti gli aggiornamenti: https://t.me/PiccoleNoteTelegram

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti