Boicottaggio Adidas e Nike. Ecco chi può conquistare mercato cinese

Boicottaggio Adidas e Nike. Ecco chi può conquistare mercato cinese

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Anta Sports, un marchio cinese di abbigliamento sportivo spesso chiamato "China's Nike", potrebbe sfruttare la situazione precaria che attualmente si trova ad affrontare i suoi concorrenti stranieri Nike e Adidas nel paese, secondo la rivista Fortune.

Dallo scorso marzo, diversi marchi di abbigliamento occidentali sono stati vittime di boicottaggi e forti critiche da parte della popolazione e dei funzionari del governo cinese.

Nike e Adidas avevano annunciato che avrebbero smesso di usare il cotone cinese nelle loro fabbriche, basandosi sulla propaganda occidentale delle persecuzioni di Pechino contro la minoranza musulmana uigura nella regione autonoma dello Xinjiang. Tra l'altro, il più grande produttore di cotone del paese.

Tuttavia, con il crollo dei marchi occidentali, la società di abbigliamento sportivo locale Anta Sports ha annunciato che avrebbe continuato ad acquistare il cotone prodotto nello Xinjiang e ha visto una crescita costante del prezzo delle sue azioni.

"Allineandosi alla politica nazionale, Anta ha molto da guadagnare nei mercati interni e poco da perdere all'estero", afferma John Zhang, direttore del Wharton China Center presso l'Università della Pennsylvania.

Tuttavia, altri esperti ritengono che le circostanze attuali siano temporanee e che Anta non sarà in grado di trarne grandi vantaggi.

"È improbabile che Anta mangi troppo della torta Nike", ha replicato Mark Tanner, amministratore delegato di China Skinny, una società di ricerca sui consumatori a Shanghai.

Anta ha aperto i battenti nel 1991 come piccolo laboratorio di calzature sportive. 

Nel decennio successivo, con il costante aumento dell'interesse della Cina per l'abbigliamento sportivo, aumentarono anche gli affari di Anta, la cui attrazione principale era il prezzo delle sue scarpe, circa un terzo di quelle di Nike e Adidas.

Tuttavia, verso la metà dell'ultimo decennio è stato etichettato come "marchio di bassa qualità", perché il consumatore considerava che prezzo e qualità erano sempre direttamente proporzionali.

Per rimediare a questo, Anta ha lanciato una campagna di "marketing" di successo con lo slogan "Non si può dare un prezzo alla capacità", che vedeva le star dell'NBA che indossavano le scarpe da ginnastica dell'azienda. Ha inviato il messaggio che se queste scarpe poco costose erano abbastanza buone per i migliori giocatori di basket del mondo, erano abbastanza buone per i bambini e i giovani nei parchi giochi della Cina.

Anta ha attualmente più di 12.000 negozi nel paese e controlla il 15% del mercato dell'abbigliamento sportivo in Cina, mentre Nike e Adidas controllano rispettivamente il 23% e il 20%. Dal 2019 Anta è la terza azienda di abbigliamento sportivo al mondo per fatturato.

 

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni) di Giuseppe Masala Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti