Boicottaggio elezioni in Siria. “Avrebbero voluto che Bashar finisse come Saddam o Gheddafi"

Boicottaggio elezioni in Siria. “Avrebbero voluto che Bashar finisse come Saddam o Gheddafi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un esponente del partito Baath al governo in Siria, spiega ad Alexander Aoun, giornalista di Sputnik in lingua francese, che mentre la Siria si prepara a eleggere il suo nuovo presidente, Regno Unito, Francia e Stati Uniti hanno già annunciato che non riconosceranno i risultati. Una posizione che attesterebbe che, nonostante la fine del conflitto, l'Occidente non ha detto l'ultima parola su Bashar al-Assad.

"Perché l'Occidente continua a fare pressione sulla Siria? Non abbiamo più niente, né elettricità, né petrolio, né acqua. Lasciateci in pace, chiediamo solo questo!" ribadisce a condizione di anonimato, l'esponente del Baath, la principale forza politica in Siria.

E per una buona ragione, il Regno Unito, la Francia e gli Stati Uniti persistono nelle loro politiche di pressione nei confronti di Damasco. Durante una sessione mensile del Consiglio di sicurezza sulla Siria il 28 aprile, Londra, Washington e Parigi hanno rinnovato il loro categorico rifiuto di riconoscere il risultato delle elezioni presidenziali siriane che si terranno il 26 maggio.

"La Francia non riconoscerà alcuna validità alle elezioni previste dal regime a fine maggio", ha dichiarato Nicolas de Rivière, ambasciatore francese all'Onu. La sua controparte britannica, Sonia Farrey, da parte sua ha affermato che "le elezioni in assenza di un ambiente sicuro e neutrale, in un clima di paura permanente, quando milioni di siriani dipendono dagli aiuti umanitari [...] non conferiscono legittimità politica, ma piuttosto mostra disprezzo per il popolo siriano". Dopo 10 anni di conflitto in Siria, i paesi occidentali mantengono le loro posizioni. Quelli di una categorica opposizione a Bashar al-Assad.

 

Bashar, candidato alla rielezione

Da parte sua, la Russia deplora l '"inammissibile ingerenza negli affari interni della Siria" e considera "angosciante che alcuni paesi respingano l'idea stessa di queste elezioni", che hanno già dichiarato "illegittima". Dichiarazioni che illustrerebbero la testardaggine dell'Occidente, secondo il dirigente politico siriano:“Devi prendere sul serio questo tipo di affermazione. Significa che l'Occidente non ha detto l'ultima parola con la Siria. Ma quello che non capiscono è che la stragrande maggioranza dei siriani che vivono in Siria sostiene il presidente Bashar al-Assad ".

L'attuale presidente siriano ha presentato la sua candidatura il 21 aprile. Si dice che sia sul punto di vincere il suo quarto mandato consecutivo dalla morte di suo padre Hafez nel 2000. "Gli occidentali dicono che c'è un solo candidato, ma non è vero, le persone possono partecipare". Ad oggi 51 persone, tra cui sette donne, hanno presentato domanda. Ma Francia, Regno Unito e Stati Uniti si concentrerebbero sui rifugiati per mantenere un ruolo nel dosssier siriano.

 

Gli occidentali pagano 5 miliardi per i rifugiati siriani

Linda Thomas-Greenfield, ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ha affermato infatti che devono essere intraprese iniziative per "la partecipazione dei rifugiati, degli sfollati e della diaspora a qualsiasi elezione siriana". Un argomento compreso: l'opposizione siriana è all'estero. Già nel 2012, questi stessi paesi avevano riconosciuto questa opposizione come " l'unico rappresentante del popolo siriano ".

“L'Occidente avrebbe voluto che Bashar finisse come Saddam o Gheddafi. Oggi si adornano dei principi dei diritti umani puntando sui rifugiati ", accusa l'esponente del Baath, prima di chiarire il punto: "Ma noi siriani conosciamo la realtà: ci fanno morire di fame per ragioni politiche".

Senza essere in grado di interferire direttamente in Siria, i paesi occidentali programmano efficacemente conferenze internazionali per aiutare i rifugiati nei paesi ospitanti. Il 30 marzo l'Unione Europea ha organizzato un incontro a Bruxelles, che ha raccolto non meno di cinque miliardi di dollari. Un'iniziativa che fa rivoltare i siriani rimasti lì, afferma il quadro del partito Baath: “perché non danno questi cinque miliardi per ricostruire il Paese che hanno distrutto? Dopo averlo fatto militarmente, ci soffocano con l'economia ".

 

La ricostruzione

Per usare un eufemismo, l'economia siriana è letteralmente asfissiata: il petrolio è razionato a causa della scarsità, le persone non possono scaldarsi con il gas e la moneta continua a perdere valore. 

Inoltre, le sanzioni occidentali impediscono al paese di commerciare con l'estero. Anche gli alleati di Damasco stanno lottando per importare prodotti siriani. “Il paese era noto per le sue verdure, la sua carne, la sua cultura. I nostri prodotti sono stati venduti in tutto il Medio Oriente, nel Caucaso e persino in Europa ", afferma con orgoglio e nostalgia il politico. Ma nel giugno 2020, con il Caesar act, gli Stati Uniti hanno ulteriormente inasprito le sanzioni economiche contro la Siria. Prendendo di mira le banche, hanno raggiunto l'intera popolazione. Sebbene i combattimenti siano diminuiti, il paese sta quindi lottando per ricostruirsi.

“La guerra è praticamente finita. Vediamo imprenditori cinesi e russi interessarsi ai progetti di ricostruzione. Gli arrivi di convogli dall'Arabia Saudita e dagli Emirati sono sempre più regolari. Ma oggi le sanzioni impediscono ai progetti di vedere la luce del giorno ”, sottolinea il politico locale.

Mosca è attiva su questo argomento. Lo scorso marzo Sergei Lavrov, il capo della diplomazia russa, era in tournée nel Golfo per incoraggiare gli investimenti e la ricostruzione della Siria. Un bisogno vitale di investimenti che gli occidentali sembrano sottovalutare.

“L'Occidente si sta nasconendo, non vuole ammettere che la Siria di Bashar al-Assad ha vinto la guerra, insieme a Iran e Russia. Nega la realtà ”, ricorda l'esponente del Baath.

Dopo un decennio di conflitto, la politica occidentale sulla questione siriana apparentemente non si è mossa di una virgola.

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti