Borell definisce la Russia "una stazione di servizio". Le risposte da Mosca

Borell definisce la Russia "una stazione di servizio". Le risposte da Mosca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non passa giorno che Josep Borell, “Alto” rappresentante dell’UE per gli Affari esteri e la politica di sicurezza, non faccia gaffe che peggiorino ulteriore il declino intrapreso dai paesi europei per seguire ciecamente gli Stati Uniti nelle loro crociate.

In un'intervista pubblicata questo sabato su El País, Borell ha descritto la Federazione russa come un "stazione di servizio in cui il proprietario ha una bomba atomica”, sottolineando come dal punto di vista dell’UE, Mosca, a differenza della Cina, non debba essere considerato come “un vero giocatore geopolitico”. Il paragone della Russia come una stazione di servizio non è originale ma risale al defunto falco McCain, che in un intervento al Senato nel 2014 definì con questo appellativo la Russia.

Durissime le risposte che arrivano da Mosca. La portavoce del ministero degli esteri, Maria Zakharova, ha commentato come "invidia e impotenza" le dichiarazioni di Borell. "L'Ue è come un’azienda in fallimento che è andata in bancarotta quando ha smesso di poter rifornirsi con un carburante di qualità a un prezzo accessibile. Abbiamo il nostro carburante con noi e lo vendiamo, mentre le imprese dell'Ue si sono trasferite all'estero", ha dichiarato la portavoce a Izvestia. Riguardo alla "bomba atomica", Zajárova ha sottolineato che solo un Paese dell'Ue possiede armi nucleari, mentre gli altri non sono stati in grado di produrle. "Non c'è niente di cui essere orgogliosi, ecco perché sono così arrabbiati.

Quindi tutto ciò che Borrell ha detto, lo ha detto è per invidia e impotenza", ha affermato. Dure le parole anche del ministro degli esteri russo Lavrov in un'intervista a The International Affairs pubblicata questo sabato, nella quale ha denunciato come persone con una visione "razzista" sono ora al comando nei paesi occidentali. "L'Occidente è ora governato da persone come [l'Alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza] Josep Borrell, che dividono il mondo nel loro 'giardino fiorito' e nella 'giungla' dove, secondo loro, si trova la maggior parte dell'umanità. Con una visione del mondo così razzista, è ovviamente difficile venire a patti con l'inizio del multipolarismo", ha detto Lavrov.

Secondo il ministro degli Esteri russo, l'Occidente "teme ragionevolmente" che la transizione verso un sistema multipolare "porti gravi perdite geopolitiche ed economiche e il crollo definitivo della globalizzazione nella sua forma attuale, di stampo occidentale" e, soprattutto, è preoccupato di perdere "l'opportunità di parassitare il resto del mondo" attraverso un meccanismo che garantisce la crescita economica a spese di altre nazioni. "Sempre più paesi del Sud e dell'Est del mondo stanno iniziando a realizzare i propri interessi nazionali, ad articolarli e ad applicare politiche mirate alla loro realizzazione nello spirito della cooperazione internazionale", ha affermato.

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti