Botteghe oscure, i falsi eredi

Botteghe oscure, i falsi eredi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Paolo Desogus*

 

Se gli eredi del Pci, approdati al Pd dopo un lungo percorso segnato da miseria e vergogna, avessero veramente avuto a cuore i simboli del comunismo italiano, li avrebbero difesi, non si sarebbero mai vergognati del passato e avrebbero contrastato l’opera di mistificazione sulle figure di Gramsci, Togliatti e Berlinguer, così come sulla vicenda del movimento operaio italiano e su quella dell’Unità.


Hanno invece accettato tutto: hanno accettato che su Gramsci venissero scritte penose idiozie su una sua presunta conversione al liberalismo e addirittura su un quaderno mancante; hanno accetto la demonizzazione di Togliatti; hanno accettato che Berlinguer divenisse un santino moralista e hanno usato alcune sue riflessioni sull’austerità per giustificare l’austerity ordoliberale tedesca, col bel risultato che adesso i critici dell’austerity sono anche i critici di Berlinguer. Hanno poi lasciato che la storia di lotta del movimento operaio italiano venisse letteralmente cancellata. E hanno permesso che l’Unità finisse nelle mani di imprenditori che l’hanno portato al fallimento.


Se in via delle Botteghe oscure, nei pressi della storica sede del Pci, si è trasferita la Lega che provocatoriamente si intesta quell’eredità storica, è solo colpa loro. Che cosa diavolo vogliono adesso? Si sono screditati con le loro stesse mani e hanno dissipato l’eredità materiale e politica del Pci. Ora sono i meno qualificati a difendere la sua storia.
 

Gli uomini i del Pd hanno preso la via del neoliberalismo e rinnegato quella del socialismo. Sono andati a braccetto con Marchionne. Hanno accettato che il sindacato venisse umiliato. Hanno eletto gli imprenditori a loro referente sociale e fatto del libero mercato il loro dogma. Che vogliono? Sono dall’altra parte della barricata. E dato il comportamento di alcuni dirigenti del Pd, come Minniti e Bonaccini (favorevole all’autonomia differenziata), hanno ampiamente dimostrato di avere più storia in comune con la Lega che con i comunisti italiani.


*Professore alla Sorbona di Parigi

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti