C'è un caccia di epoca sovietica capace di far impallidire i più tecnologici F-35 e F-22

C'è un caccia di epoca sovietica capace di far impallidire i più tecnologici F-35 e F-22

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

C’è un caccia che risale all’epoca sovietica ancora capace di prestazioni, sia in termini di velocità che combattimento, superiori ai più moderni caccia stealth di produzione statunitense come F-22 ed F-35. Stiamo parlando del MiG-25 Foxbat, che è stato costruito come alternativa per sconfiggere i caccia ostili statunitensi. 

 

Con gli Stati Uniti che utilizzavano i loro aerei spia per entrare nello spazio aereo straniero e condurre spionaggio di massa sull'URSS durante l'era della Guerra Fredda, i giganti aerospaziali come il Mikoyan furono costretti a cercare combattenti alternativi che potessero eguagliare la velocità degli aerei nordamericani e alla bisogna abbatterli. 

 

In seguito all'abbattimento di un aereo spia U-2 degli Stati Uniti da parte dell'URSS nell'estate del 1960, il Pentagono lanciò all'Unione Sovietica la sfida più grande che poteva affrontare sciamando nei loro cieli con l'aereo da ricognizione più veloce del mondo conosciuto al mondo, il Blackbird SR-71, ricorda The EurAsian Times. 

 

Pur non essendo caccia, gli aerei spia Mach 3+ super veloci, a lungo raggio e ad alta quota sono stati in grado di entrare nello spazio aereo sovietico senza essere rilevati grazie alla loro capacità di navigare vicino al bordo dello spazio e non essere rilevati dai radar nemici a causa alla loro tecnologia stealth. 

 

Di conseguenza, nel 1964, l'Unione Sovietica reagì con i MiG-25 Foxbat che sarebbero decollati per sortite ogni volta che il Blackbird veniva avvistato nei confini sovietici.

 

Il Foxbat era un caccia-intercettore supersonico ad alta quota monoposto e un aereo da ricognizione costruito principalmente in acciaio inossidabile ed era dotato di un potente radar insieme a quattro missili aria-aria R-40.

 

Il caccia che è stato l'ultimo aereo progettato dal fondatore del MiG, Mikhail Gurevich prima del suo ritiro, e in seguito ha stimolato lo sviluppo degli F-15 Eagles statunitensi, poteva sostenere una velocità di crociera di Mach 2.8, oltre a metterlo in overdrive con un top velocità di 3.2.

 

Un caccia dal potenziale enorme, tale da far impallidire i più moderni jet attualmente in servizio.

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO