Caitlin Johnstone - Senza verità e moralità resta sola la manipolazione

Caitlin Johnstone - Senza verità e moralità resta sola la manipolazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Israele lavora così duramente per distorcere la vostra percezione della realtà perché una percezione lucida della stessa è altamente sfavorevole ai suoi interessi 


di Caitlin Johnstone – ConsortiumNews


The Atlantic ha pubblicato un nuovo articolo di apologia di Israele intitolato “La narrazione della decolonizzazione è pericolosa e falsa” – un notevole cambiamento di tono rispetto ai sentimenti di “Decolonizzare la Russia” dello scorso anno. 

L'intero articolo è stato  analizzato paragrafo per paragrafo  da un commentatore di nome Sana Saeed, ma per i miei scopi qui vorrei concentrarmi solo su una frase specifica in esso contenuta sul massacro in corso da parte di Israele a Gaza:

“L’obiettivo israeliano a Gaza – per ragioni pratiche, tra le altre – è ridurre al minimo il numero di civili palestinesi uccisi”. 

Se non sapeste che il caporedattore di The Atlantic, Jeffrey Goldberg, è un ex guardia carceraria dell'IDF che nel 2002 affermò che "la prossima invasione dell'Iraq sarà ricordata come un atto di profonda moralità", vi stupirebbe che una frase del genere sia mai stata stampata. 

 


Basta guardare le immagini satellitari prima e dopo  la campagna di bombardamenti su Gaza per vedere immediatamente che Israele non sta facendo assolutamente nulla per ridurre al minimo il numero di civili uccisi. 

Basta considerare il fatto che quasi il 70% delle persone uccise  in questi attacchi aerei erano donne e bambini per capire immediatamente che Israele non sta facendo nulla per ridurre al minimo il numero di civili uccisi. 

Basta ascoltare gli stessi funzionari israeliani dire che “l’enfasi è sui danni e non sulla precisione” e che “Gaza alla fine si trasformerà in una città di tende; non ci saranno edifici” per vedere immediatamente che Israele non sta facendo nulla per ridurre al minimo il numero di civili uccisi.

Non puoi dichiarare apertamente che farai un sacco di danni senza riguardo per la precisione, bombardando a tappeto interi quartieri riducendoli in ghiaia uccidendo soprattutto donne e bambini, e poi dire che stai cercando di ridurre al minimo le vittime civili. Non è una cosa.

Ma questo è esattamente ciò che The Atlantic ci insegna a credere. Ci chiedono di ignorare ciò che abbiamo davanti ai nostri occhi e di diffidare di ciò che vediamo con i nostri occhi.


Si vedono cose di questo genere più e più volte da parte degli apologeti di Israele. Ti dicono cose che sai assolutamente essere false nella tua percezione diretta, ancora e ancora e ancora, nella speranza che possano sopraffare la tua mente.

Questo è quello che succede quando ti dicono che Israele sta “difendendo sé stesso” e “prendendo di mira Hamas”, quando invece per lo più uccidono donne e bambini e bombardano interi isolati di città, ed è quello che succede quando ti dicono ancora e ancora che odi Gli ebrei amano i terroristi anche quando sanno per certo che non è così.

Ultimamente il termine “gaslighting” è stato spesso abusato nel discorso politico moderno; vedrai spesso persone che usano quel termine per descrivere qualcuno che mente, o anche qualcuno che semplicemente dice qualcosa con cui non è d'accordo. Ma non è questo il significato storico del termine gaslighting.

Merriam-Webster definisce  il gaslighting come “la manipolazione psicologica di una persona di solito per un lungo periodo di tempo che induce la vittima a mettere in dubbio la validità dei propri pensieri, della percezione della realtà o dei ricordi”. È quando attacchi la percezione della realtà di qualcuno con un'aggressività così prolungata che la psiche della vittima si arrende e presume che non sia abbastanza competente mentalmente per interpretare la realtà da sola.

E questo è esattamente ciò che vedete fare gli apologeti di Israele giorno dopo giorno riguardo a questo conflitto. 

Ti dicono di dubitare dei tuoi occhi quando vedi montagne su montagne di prove che Israele sta facendo piovere esplosivi militari ad alta tecnologia su aree note per essere piene di bambini. 

Ti dicono di dubitare delle tue orecchie quando i funzionari israeliani declamano una retorica genocida .

Ti dicono di dubitare della tua intelligenza quando parli dei tanti buchi della trama  in ciò che ci viene detto di credere sul 7 ottobre.

Ti dicono di dubitare della tua sanità mentale quando ti chiedono di accettare accuse non verificate su bambini decapitati e bambini cotti nei forni, ignorando le migliaia di bambini che vengono massacrati a Gaza.

Ti dicono di dubitare delle tue convinzioni quando ti dicono ripetutamente che sei un antisemita se critichi Israele anche quando sai di non avere altro che buona volontà nei confronti del popolo ebraico.

Ti dicono di dubitare delle tue stesse motivazioni quando ti dicono ripetutamente che sostieni il terrorismo e vuoi che gli ebrei vengano uccisi anche quando sai che nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

Ti dicono di dubitare del tuo senso della realtà quando ti dicono che Hamas è responsabile di tutta la morte e la distruzione che puoi vedere chiaramente inflitta dalle bombe israeliane.

Non ti dicono mai solo cosa credere riguardo al mondo, ti dicono anche cosa credere riguardo a te stesso. Questo è sempre un segno rivelatore che sei stato manipolato psicologicamente.

Ogni volta che ti ritrovi coinvolto con qualcuno che lavora continuamente per cambiare la tua percezione di te stesso in modo negativo, ti consigliamo di staccarti da lui il più rapidamente possibile.

Gli apologeti di Israele devono farlo perché non hanno la verità dalla loro parte, e non hanno la moralità dalla loro parte; quindi, tutto ciò che hanno è la manipolazione. Lavorano così duramente per distorcere la tua percezione della realtà perché una percezione lucida della realtà è altamente sfavorevole agli interessi informativi israeliani.

Non lasciare che ti facciano questo. Ogni volta che hai la sensazione di essere manipolato da qualcuno, inizia a ignorare le sue parole e osserva invece le sue azioni. Le loro parole possono ingannarti, ma le loro azioni, esaminate obiettivamente, ti diranno tutto ciò che devi sapere su di loro.


Traduzione de l'AntiDiplomatico

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili" di Paolo Desogus Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili"

Educazione sentimentale, Lilli Gruber e i "paesi civili"

La lotta operaia al macello PROSUS a Vescovato di Cremona di Giorgio Cremaschi La lotta operaia al macello PROSUS a Vescovato di Cremona

La lotta operaia al macello PROSUS a Vescovato di Cremona

Le bugie russofobe della Metsola agli studenti di Palermo di Marinella Mondaini Le bugie russofobe della Metsola agli studenti di Palermo

Le bugie russofobe della Metsola agli studenti di Palermo

NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro di Emanuele Dessì NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro

NOI a Cuba il 2 dicembre per le celebrazioni di Gino Donè Paro

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Sul femminicidio di Marco De Angelis Sul femminicidio

Sul femminicidio

Al principio era la crisi economica.... di Antonio Di Siena Al principio era la crisi economica....

Al principio era la crisi economica....

Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole di Gilberto Trombetta Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole

Vertice Meloni-Scholz: Berlino presenta le nuove regole

NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO di Michelangelo Severgnini NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO

NAPOLI - DAKAR - NAPOLI: A UN ANNO DALLA CENSURA DELL'URLO

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Dalla caccia, all'asta del Che Dalla caccia, all'asta del Che

Dalla caccia, all'asta del Che

L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese di Paolo Arigotti L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese

L’Egitto e il conflitto israelo-palestinese