Caitline Johnstone - Israele, il diritto internazionale e il controllo della narrazione

Caitline Johnstone - Israele, il diritto internazionale e il controllo della narrazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Caitline Johnstone* 


La Corte internazionale di giustizia ha ordinato a Israele di cessare l'assalto a Rafah, un ordine che sarà certamente ignorato da Israele con il pieno sostegno di Washington. Tutto questo arriva pochi giorni dopo che la Corte penale internazionale aveva annunciato la sua intenzione di chiedere mandati di arresto per funzionari israeliani per crimini di guerra a Gaza, che saranno anch'essi respinti da Israele e dal suo alleato egemone a ovest.

L'altro giorno il procuratore della CPI Karim Khan ha dichiarato che, mentre si preparava a richiedere i mandati d'arresto israeliani, gli è stato detto da "un alto dirigente" che "questo tribunale è stato costruito per l'Africa e per i delinquenti come Putin". Di solito non si sentono i dirigenti dell'impero esprimere pubblicamente un'opinione così franca, ma non è certo sorprendente che questa sia la loro visione dietro le quinte. E, tecnicamente, non è affatto falsa: basta dare un'occhiata alla lista dei prigionieri detenuti all'Aia per scoprire che si tratta di persone provenienti da Paesi piccoli, deboli e per lo più africani.

È un puro e semplice fatto che il "diritto internazionale" non viene mai applicato contro le nazioni potenti o i loro alleati protetti, perché non ci sarebbe modo per la comunità internazionale di far valere quelle leggi su di loro, senza scatenare una massiccia guerra mondiale che coinvolga gli Stati dotati di armi nucleari. Gli Stati Uniti hanno notoriamente messo in atto il loro "Atto di occupazione dell'Aia" tra le invasioni dell'Afghanistan e dell'Iraq, per assicurarsi di poter usare la forza militare per liberare qualsiasi militare degli Stati Uniti o dei loro alleati (tra cui Israele) che finisca detenuto dalla Corte penale internazionale. Attualmente non c'è nessuna forza al mondo che sia disposta e in grado di impedire alla macchina da guerra statunitense di fare una cosa del genere.

Una legge non è veramente una legge se non può essere applicata. Se uccido qualcuno in una città di oggi, un gruppo di agenti delle forze dell'ordine verrà ad arrestarmi e mi manderà in prigione. Se uccidessi qualcuno negli Stati Uniti occidentali durante il diciannovesimo secolo, non avrebbe importanza cosa dicono le leggi della città se lo sceriffo e i suoi uomini hanno troppa paura di me per consegnarmi alla giustizia. È un po' quello che succede a livello internazionale: c'è una grande banda di delinquenti senza legge che fa quello che vuole, perché non c'è nessun altro in giro con una potenza di fuoco sufficiente a fargli rispettare le leggi.

In realtà, il "diritto internazionale" è una menzogna e per due ragioni principali. È una menzogna nel senso che le potenze occidentali pretendono falsamente di valorizzarlo e di sostenerlo, ed è una menzogna nel senso che non ha alcuna esistenza significativa, dal momento che viene applicato solo a potenze piccole e deboli.


Le azioni della Corte penale internazionale e della Corte internazionale di giustizia sono utili solo nella misura in cui aiutano a distogliere la gente dall'illusoria convinzione che le potenze occidentali si preoccupino minimamente del diritto internazionale, e nel senso che rendono chiaro al mondo intero che Israele e i suoi potenti alleati occidentali stanno apertamente violando le regole che fingono di rispettare. È utile come contro-narrazione rispetto alla narrazione imperiale ufficiale di ciò che sta accadendo, ma non è utile come costrutto legale o mezzo per porre fine alle atrocità israeliane in sé e per sé.

Ecco perché i funzionari statunitensi e israeliani si infuriano e si infuriano per le azioni della Corte internazionale di giustizia e della Corte penale internazionale. Non perché temano che questi tribunali siano in grado di applicare le sentenze che emettono, ma perché ciò indebolisce il loro controllo sulla narrazione. Queste sentenze sono state emesse di fronte al mondo intero e dicono cose molto brutte su ciò che Israele e i suoi alleati hanno fatto a Gaza.

Israele e i suoi difensori si infuriano per questi sviluppi per lo stesso motivo per cui si infuriano per qualsiasi sviluppo che influisca sul loro controllo della narrazione su larga scala e in modo mainstream. Si infuriano contro la Corte internazionale di giustizia e la Corte penale internazionale per lo stesso motivo per cui si infuriano contro le celebrità che criticano Israele o contro gli studenti che protestano nei campus universitari di tutto il mondo.

Tutto ciò che fa sì che i dirigenti dell'impero perdano la presa sulle storie dominanti che la gente racconta su ciò che accade nel mondo è una minaccia diretta al potere imperiale, perché scuote le persone dal torpore indotto dalla propaganda che le porta ad acconsentire allo status quo imperiale. Ecco perché gli Stati Uniti e Israele si impegnano così tanto per controllare la narrazione collettiva in Occidente; hanno bisogno che la gente acconsenta a cose che nessuna persona psicologicamente sana acconsentirebbe mai senza essere manipolata e ingannata.

I gestori dell'impero lavorano così duramente per controllare le narrazioni dominanti della nostra civiltà perché capiscono qualcosa che la gente comune non capisce: che il vero potere deriva dal controllo delle narrazioni.

L'unica ragione per cui la nostra società ha l'aspetto che ha e si muove nel modo in cui si muove è la narrazione che abbiamo accettato collettivamente di trattare come vera e reale. È l'unica ragione per cui il potere siede dove siede e opera nel modo in cui opera. È l'unico motivo per cui il denaro funziona come funziona. È l'unico motivo per cui le leggi sono leggi e il galateo sociale è galateo sociale.

Tutto ciò che riguarda la nostra società è determinato da narrazioni concordate collettivamente, il che significa che chiunque possa controllare tali narrazioni può controllare la nostra società. Se improvvisamente tutti sviluppassero un'acuta consapevolezza del fatto che tutto questo è inventato e che possiamo cambiare le nostre narrazioni concordate collettivamente ogni volta che vogliamo, i nostri governanti non sarebbero più i nostri governanti e potremmo creare qualsiasi tipo di società vogliamo.

Quindi c'è molto in ballo in questa storia del controllo della narrazione. È la sostanza stessa di cui è fatto il potere. È di questo che si preoccupano i gestori dell'impero, non del "diritto internazionale". Quindi, mentre Gaza non sarà salvata da nessuna azione dei tribunali internazionali, potrebbe essere salvata da un numero sufficiente di persone che si svegliano dal controllo narrativo dei nostri governanti per imporre un vero cambiamento. Se un numero sufficiente di persone scollega le proprie menti dalla matrice della propaganda e della manipolazione imperiale, non c'è limite a ciò che l'umanità può raggiungere come specie.


* Fonte originale:  https://www.caitlinjohnst.one 
(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti