/ Cina, Global Times: Bannon promuove il fascismo economico

Cina, Global Times: Bannon promuove il fascismo economico

 
 

L'ex stratega capo della Casa Bianca, Steve Bannon, ha dichiarato al South China Morning Post che l'ordine esecutivo firmato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump che espelle Huawei dal mercato statunitense e taglia i componenti vitali è "10 volte più importante che allontanarsi dall'accordo commerciale".

 

Questa è il sostegno più isterico di questo opinion leader di estrema destra. Bannon è un fanatico sostenitore della retorica della guerra generale sulla Cina. Con le relazioni Cina-Stati Uniti verso il basso, questa figura radicale si fa sentire parlando a voce alta.

 

In Cina anche gli opinion leader più radicali non chiedono di far uscire Apple o McDonald dalla Cina. Ma le osservazioni estreme di Bannon possono esercitare un certo impatto sulla società statunitense ed è piuttosto orgoglioso di essere falco, il che dimostra che i fondamenti razionali del paese vengono erosi. L'estremismo sta aumentando.

 

La politica cinese di Bannon è una specie di fascismo economico. Il suo vero obiettivo è costringere Pechino a realizzare riforme fondamentali per la sottomissione economica della Cina.

 

Le parole minacciose di Bannon nei confronti della Cina stanno portano oppiacei ad alcune persone tra la frenesia degli Stati Uniti di soggiogare la Cina.

 

Purtroppo, oltre a Bannon, un gruppo di fascisti economici è emerso negli Stati Uniti. Considerano lo sviluppo economico e la prosperità della Cina come una minaccia fondamentale per gli Stati Uniti. La loro interruzione della catena di approvvigionamento globale sta erodendo le fondamenta della globalizzazione, e metteranno a repentaglio la pace nel 21° secolo.

 

Due punti. Innanzitutto, l'atteggiamento aggressivo degli Stati Uniti nei confronti della Cina avrà un certo impatto sul mondo occidentale. Ma se gli Stati Uniti costringono i paesi occidentali a disimpegnarsi dalle società high-tech cinesi e incitare una guerra fredda tecnologica ed economica tra l'Occidente e la Cina, sono destinati ad affrontare la resistenza, poiché ciò non si adatta agli interessi dei paesi occidentali.

 

Secondo, il pensiero malvagio di Bannon contro la Cina è l'epitome delle idee viziose di alcune élite statunitensi verso la Cina.

Non è certo se diventeranno la vera politica cinese dell'amministrazione statunitense.

 

Con l'intensificarsi della guerra commerciale, la società cinese dovrebbe essere preparata per le politiche americane squilibrate. In particolare, le società high-tech cinesi dovrebbero prendere precauzioni.

 

Tutte le aziende cinesi che desiderano raggiungere la cima dell'alta tecnologia dovrebbero imparare dall'esempio di Huawei. Se solo ci fosse un gruppo di società cinesi che condividono la proprietà intellettuale con partner stranieri, allora alcune forze malevoli esiteranno in un giro di vite.

 

Ci sono aziende high-tech dalla Corea del Sud e l'isola di Taiwan che guidano alcune aree specifiche. Il continente cinese non è in ritardo e quindi è abbastanza probabile che le aziende cinesi sviluppino il loro asso nella manica se lavorano di più.

 

Mercoledì il governo cinese ha annunciato una politica fiscale preferenziale per l'industria dei semiconduttori, con l'obiettivo di contrastare la repressione americana. Le aziende laboriose con il supporto del governo e della popolazione aiuteranno la Cina a vincere la partita contro gli Stati Uniti.

 

L'enorme mercato cinese offrirà le migliori condizioni per l'innovazione high-tech. A volte la sfortuna è una benedizione sotto mentite spoglie.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa