Clamoroso in Francia. Il Parlamento boccia il passaporto sanitario

Clamoroso in Francia. Il Parlamento boccia il passaporto sanitario

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Clamoroso in Francia. Così Agence France Presse annuncia la bocciatura del disegno di legge sul progressivo allentamento delle misure di restrizione anti covid, che prevedeva all'art 1 l'introduzione del pass sanitario.


"L'Assemblea nazionale ha votato con sorpresa di tutti contro l'articolo chiave del disegno di legge per l'uscita graduale dallo stato di emergenza sanitaria che include il controverso #PassSanitaire, il MoDem (Partito politico liberale di centro) abbandona LREM (La République En Marche), noto anche semplicemente come En Marche, partito politico francese fondato nel 2016 da Emmanuel Macron, per protestare contro la vaghezza del testo.
I deputati hanno respinto l'articolo 1 con 108 voti contro 103. "Non c'è stato dialogo e ascolto" sui punti fondamentali "del testo, all'interno della maggioranza, ha spiegato Philippe Latombe (MoDem), sottolineando l'unanimità del suo gruppo contro l'articolo.

"Troveremo un accordo con la maggioranza" e "risolveremo questo problema", ha assicurato il presidente del Consiglio".


Il Governo francese presenterà un secondo decreto per affrontare le riaperture dopo il lockdown, ma certamente un tabù è stato rotto: mettere in discussione il passaporto sanitario costituisce un precedente importantissimo per gli altri Paesi europei ed è sintomo, avendo spaccato la stessa maggioranza di governo, del sempre minore consenso che hanno i partiti, in tutta Europa, che hanno gestito la pandemia a colpi di restrizioni della libertà e con conseguenze drammatiche sul tessuto sociale e produttivo, economico e culturale.


La miccia è lì. Pronta ad esplodere.

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti