/ Colombia, massacro di Caquetà. Si dimette il ministro della Difes...

Colombia, massacro di Caquetà. Si dimette il ministro della Difesa Botero

 

Il ministro della Difesa colombiano, Guillermo Botero, ha rassegnato le dimissioni mercoledì dopo che sono state divulgate informazioni sulla morte di otto minori dopo un bombardamento in una zona di San Vicente del Caguán (Caquetá), nel sud del paese.
 
"Oggi, in un incontro con il Presidente della Repubblica per analizzare l'attuale situazione politica, si è convenuto che la cosa più conveniente era presentare le dimissioni dalla carica di Ministro della Difesa Nazionale", afferma una dichiarazione ufficiale del ministero.

 

 
Dopo aver accettato le dimissioni di Botero, il presidente Iván Duque ha informato attraverso il suo account Twitter che il generale Luis Fernando Navarro, attuale comandante delle forze armate colombiane, sarà il nuovo ministro della difesa.
 
Nel mezzo dello scandalo politico, Duque ha sottolineato i presunti risultati durante la gestione di Botero, tra i quali ha elencato il "freno" alla crescita delle colture di coca e alla riduzione del crimine di omicidio del 2%.

 
Questo mercoledì, il procuratore generale ha spiegato che dei 15 corpi identificati dalle squadre forensi dopo l'attentato a Caquetá il 30 agosto scorso, 8 erano minorenni e 7 adulti.
Altri due corpi rimangono non identificati.

 
L'agenzia ha informato che il pubblico ministero ha autorizzato la consegna ai parenti di 10 organismi identificati.

 
Nella giornata di lunedì sul massacro di Caquetà si era svolto un intenso dibattito parlamentare con il senatore Roy Barreras, nel suo intervento nel Senato colombiano, ha dichiarato come l’operazione a Caquetá, nella quale hanno perso la vita 14 dissidenti delle smobilitate Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia (FARC), fu in realtà un massacro dove hanno perso la vita diversi bambini. “Avete nascosto alla Colombia che quel giorno avete bombardato a bambini e sono morti 7 minorenni”.


Ad aggravare la posizione politica dell’ex ministro Botero potrebbe aggravarsi dopo le rivelazioni di Herner Carreño, prigioniero nella città di Puerto Rico, a Caquetá, che ha denunciato come il Governo abbia autorizzato il bombardamento del 30 agosto scorso in un campo di dissidenti delle Farc nonostante sapesse della presenza di minorenni.  
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa