/ Come siete lontano come siete uguali

Come siete lontano come siete uguali

 


di Giorgio Cremaschi

Qui dal picchetto all’Ilva di Taranto , mentre abbracciamo chi decide di scioperare e ci arrabbiamo con chi a testa china entra.


Qui in corteo ove ci incontriamo tra operai, mamme e parenti di persone colpite dai veleni, giovani alla prima scelta di impegno, militanti di organizzazioni che resistono e lottano contro un potere enorme che ricatta tutti su tutto.

Qui mentre confrontiamo la realtà con la montagna di bugie che vengono diffuse capillarmente dai palazzi della politica e dell’economia, che vogliono continuare ad andare avanti come sempre senza cambiare niente.


Qui lontani anni luce dalle contese tra i politici di centrodestrasinistra, dalle chiacchiere comuni ed inutili di CGILCISLUIL e Confindustria, dai pareri di esperti che non sanno nulla, ma lo sostengono con il massimo dell’arroganza.

Qui che Zingaretti Salvini Di Maio li vediamo confusi e uguali, nascosti assieme dal fumo velenoso che uccide operai e abitanti di Taranto.

Qui ove più sentiamo lo schifo per la politica ufficiale che occupa tutti i mass media con i suoi scontri sul nulla, mentre va d’accordo su tutto ciò che conta per gli affari ed il profitto. Qui da Taranto una sola divisione è chiara: quella tra chi dice basta al ricatto su lavoro e salute e chi invece questo ricatto lo accetta e lo sostiene persino. Questa è la frontiera vera che decide chi sta di qua e chi sta di la’, le altre sono finzioni ed imbrogli costruiti da coloro che sono sempre più lontani da noi e sempre più uguali tra loro.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa