Come Usa e Gran Bretagna hanno spinto Zelenski a febbraio alla guerra

Come Usa e Gran Bretagna hanno spinto Zelenski a febbraio alla guerra

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Dmitri Kovalevich    

 

Putin nel suo discorso di ieri ha detto di aver avvertito Zelensky prima dell'avvio dell'operazione militare alla fine di febbraio.

La richiesta era di negoziare finalmente con i leader delle repubbliche del Donbass e di rispettare gli accordi di Minsk. I nostri media raccontano che dopo l'avvertimento Zelensky ha chiamato i leader degli Stati Uniti e del Regno Unito, i quali gli hanno promesso aiuto.

Così, il presidente ucraino ha rifiutato di iniziare colloqui con Donetsk. Eppure quella era una reale possibilità di evitare la guerra. L'Ucraina ha firmato gli accordi di pace di Minsk nel 2015 accettandone dunque i termini. L'accordo implicava la reintegrazione (!) delle repubbliche del Donbass all'Ucraina, ma con uno status speciale di autonomia (diritti culturali e linguistici). In seguito, per oltre sette anni, l'Ucraina ha in seguito sabotato l'applicazione di quell'accordo.

Cosa c'era di sbagliato nell'accordo che Kiev aveva firmato?

Niente di male per l'Ucraina (i paesi dei numeri hanno regioni autonome i cui diritti sono riconosciuti).

Ma male per i nostri nazisti che vogliono imporre la loro agenda ovunque senza esclusione.

E male per gli Stati Uniti e il Regno Unito perché la crisi e la guerra del Donbass potevano fermarsi - e insieme a questo le preoccupazioni russe. Così, hanno incoraggiato Zelensky a ignorare gli accordi di Minsk, firmati. E sono iniziate le azioni militari.

Ma in questa situazione sembra che la Russia segua il percorso preparatole da Stati uniti e Regno unito (è solo un mio pensiero). E l'Ucraina potrebbe diventare un nuovo Afghanistan o una nuova Siria, il che sarebbe un danno per entrambi i concorrenti economici degli Usa: Russia e Unione europea.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti