Continua l’assalto politico religioso alla Chiesa Ortodossa Ucraina, da parte del regime di Kiev

Continua l’assalto politico religioso alla Chiesa Ortodossa Ucraina, da parte del regime  di Kiev

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Dichiarazione del rappresentante permanente Vassily Nebenzia al briefing del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla questione della persecuzione della Chiesa ortodossa ucraina       

Continua sempre più violentemente la campagna per la distruzione e messa fuorilegge della Chiesa Ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca. Assalti, pestaggi e minacce ai fedeli ucraini (…che sono qualche milione), arresti dei padri che resistono ai sequestri e occupazione delle chiese nel paese, mentre a livello istituzionale è in votazione alla Verkhovna Rada, il disegno di legge sul divieto totale della Chiesa ortodossa russa sul territorio dell'Ucraina.

Vengono perquisite e poi chiuse chiese e monasteri, dove nei verbali poi notificati dalla SBU, vengono mostrati, spacciandoli  per propaganda russa, riviste e giornali, molti di anni fa e persino libri di testo per scuole parrocchiali e seminari clericali interni, solo perché erano stati  stampati in Russia. Questo è già oltre i confini del buon senso, è un atteggiamento paranoico. Ma tutto questo supporta le affermazioni dei nazionalisti neonazisti, che già dal Maidan del 2014, annunciavano la guerra contro la COR (Chiesa ortodossa russa) e di lavorare per la sua distruzione, e secondo cui chiese e monasteri sarebbero, affermano, centri della propaganda russa.

Tutto questo è un attacco politico frontale alla Russia attraverso la Chiesa ortodossa del Patriarcato di Mosca.

Lo scrittore Roman Gozenko ha scritto: “…Qui si tratta di una divisione della civiltà. Ricordiamo il "Grande Scisma" dell'Europa nel cattolicesimo e nel protestantesimo, accompagnato da una brutale guerra di 30 anni? Oggi in Ucraina stanno cercando di creare una spaccatura nel mondo ortodosso e in quello russo colpendo il "santo dei santi", la Kiev-Pechersk Lavra, dove ci sono le radici storiche comuni di tutto il popolo russo unificato, nate nel battesimo della Kiev Rus ( ndt: negli anni ’80 del ‘900).

Come farlo oggi? Un tempo Hitler, basandosi sul neopaganesimo, creò una "nazione politica", eliminando le radici storiche e spirituali dai tedeschi, trasformandoli in un branco aggressivo controllato. Oggi lo stesso si sta facendo in Ucraina, tagliando l'ultima opportunità di pace e trasformando il conflitto in un conflitto permanente, integrando la sua componente militare e politica con quella religiosa. Questo è esattamente ciò che stanno facendo le autorità ucraine lanciando una mirata “caccia alle streghe”, incoraggiando i nazionalisti neonazisti a impossessarsi delle chiese ortodosse e a perseguitare i sacerdoti. Le autorità locali di tanto in tanto prendono decisioni per vietare la Chiesa ortodossa ucraina sul loro territorio e, nel 2022, è stato presentato alla Rada un disegno di legge per vietare completamente (!) le sue attività e sequestrare i suoi beni immobili e proprietà…”.

E  proprio in questi giorni questo progetto sta arrivando al compimento, con l’approvazione della legge. Ma ciò che è interessante e chiarificatore, è il silenzio complice delle varie organizzazioni "per i diritti umani" dell'Occidente, sempre così sensibili alla "violazione" di vari tipi di minoranze anche infinitesime, ma che in questo caso sono silenziose e assenti. Forse perché capiscono perfettamente che si tratta di una guerra spirituale e generale contro la civiltà russa, e tutto è accettabile e possibile in questa guerra, pur di vincerla…Pensano o sperano…

Dichiarazione del rappresentante permanente Vassily Nebenzia al briefing del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla questione della persecuzione della Chiesa ortodossa.

Signor Presidente,

Abbiamo richiesto una nuova riunione del Consiglio di Sicurezza per attirare l’attenzione della comunità internazionale sulla cinica repressione del cristianesimo ortodosso canonico in Ucraina, che avviene proprio davanti ai nostri occhi.

Ringraziamo il Segretario generale aggiunto per i diritti umani, Ilze Brands Kehris, e il vicepresidente del Dipartimento sinodale del Patriarcato di Mosca per le relazioni della Chiesa con la società e i mass media, Vakhtang Kipshidze per aver preso parte a questo incontro. Vorremmo sottolineare subito che la Chiesa ortodossa ucraina (UOC) non ci ha chiesto di tenere l'incontro di oggi e non ci ha autorizzato a parlare a suo nome, così come non lo hanno fatto i suoi sacerdoti e i suoi parrocchiani. Lo diciamo affinché le forze dell'ordine ucraine non si vendichino dell'incontro di oggi sulla Chiesa e sulle persone che già tengono in ostaggio.

Dieci mesi fa, il 17 gennaio 2023, durante la prima riunione del Consiglio di Sicurezza su questo argomento da noi convocata, l’ASG Brands Kehris ha espresso preoccupazione per l’introduzione nel parlamento ucraino di progetti di legge che potrebbero imporre un divieto alla Chiesa ortodossa ucraina. All’epoca lei giustamente notò che la loro adozione avrebbe potuto minare il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e credo sancito dall’articolo 18 del Patto internazionale sui diritti civili e politici. Oggi, però, la Brands Kehris non ha trovato parole per condannare la legge all'esame del parlamento ucraino. È progettato per vietare l'antica Chiesa ortodossa canonica. Invece di lanciare l’allarme e chiederne la revoca, siete qui a insegnarci come formulare meglio questa legge in modo che non appaia così terribile. Inoltre, non avete trovato parole per condannare l'uso delle forze dell'ordine di Kiev per perseguitare venerabili sacerdoti.

Il 19 ottobre 2023, il Parlamento ucraino ha approvato in prima lettura il progetto di legge n. 8371 "Modifica di alcune leggi dell'Ucraina relative al funzionamento delle organizzazioni religiose in Ucraina", il cui unico scopo è quello di vietare completamente le attività delle organizzazioni religiose in Ucraina, la Chiesa ortodossa ucraina.

Se adottata, la suddetta "legge" consentirà di vietare in tribunale le attività di qualsiasi organizzazione religiosa ucraina che sia "affiliata ai centri di influenza" in Russia. Allo stesso tempo, coloro che hanno redatto la legge dicono esplicitamente che tipo di "organizzazione religiosa" hanno in mente, e cioè una nuova Chiesa ortodossa ucraina. Anche la procedura per identificare tale affiliazione è adattata a questo obiettivo. Ciò è affidato alla completa discrezione del Servizio statale dell'Ucraina per la politica etnica e la libertà di coscienza, guidato da Viktor Yelensky, un noto antagonista del cristianesimo ortodosso.

Se adottato, questo atto sarà un passo concreto verso la distruzione della Chiesa più antica che conta milioni di parrocchiani. Perfino gli occupanti nazisti durante la Grande Guerra Patriottica non la pensavano così. Ma l’attuale regime di Kiev lo ha fatto.

Il presidente Zelenskyj, che all’inizio della sua carriera era un comico e uno showman, ha promesso di portare la pace nel Donbass. Invece, ha scatenato una nuova fase di escalation che ha portato al conflitto attuale. Ora sembra che sarà all'altezza della cattiva fama dei famosi persecutori romani del cristianesimo: gli imperatori Claudio, Nerone, Traiano e Diocleziano. Sotto la sua guida si stanno adottando misure a livello legislativo, pseudo-legale e anche mediatico per sradicare il cristianesimo ortodosso canonico in Ucraina. Manca solo l'arena del Colosseo con la strage pubblica dei cristiani. Ma il regime di Kiev si sta muovendo costantemente verso questo obiettivo. E questo non è un modo di dire. Il 2 maggio 2014, a Odessa, una folla inferocita di nazionalisti ucraini ha bruciato vivi i partecipanti alla protesta pacifica contro il Maidan che avevano rinchiuso nella Casa dei sindacati. Ciò è stato fatto davanti agli occhi del mondo intero. Non dimenticheremo mai quel crimine.

Contro il clero è stata lanciata una campagna di disinformazione su larga scala per screditare i sacerdoti agli occhi dei parrocchiani e creare un'immagine di “complici del nemico”. La polizia ucraina, la SBU e i media diffondono quotidianamente accuse infondate nello spazio informativo. Vogliono far credere a tutti che le chiese si sarebbero trasformate in depositi di armi, munizioni e rifornimenti dell’“aggressore”. Tutti questi falsi e discorsi di odio sui social network sui “preti infiltrati” hanno un obiettivo ovvio. È così che il regime di Kiev sta cercando di giustificare la pulizia del campo religioso del paese e di consentire ai radicali di ogni genere di indulgere nella violenza e nell'illegalità.

Dal 2019 continuano i sequestri di chiese della Chiesa ortodossa ucraina e la chiusura legale forzata e ingiustificata dei comuni, quest'ultima mascherata da "conversione volontaria" ad altre denominazioni. Allo stesso tempo, come si può vedere dai video che i parrocchiani della Chiesa ortodossa ucraina pubblicano sui social media, le chiese sequestrate rimangono chiuse o vuote, poiché il regime di Kiev non ha abbastanza preti scismatici pronti a prestarvi servizio, né parrocchiani disposti a tollerare tale bestemmia.

Un esempio lampante di questa pratica è l’espulsione dei monaci del Pechersk Lavra di Kiev, il più antico monastero sul territorio della moderna Ucraina, simbolo del cristianesimo ortodosso canonico.

La risoluzione anticipata del contratto di locazione a lungo termine con l'UOC da parte del Ministero della Cultura e della Politica dell'Informazione dell'Ucraina viene menzionata anche nei rapporti dell'OHCHR, anche se in modo molto sottile. A quanto pare, ciò è dovuto al timore di perdere il favore di Kiev e dei suoi curatori occidentali.

Vi ricordo che dall'inizio del 2023 sono in corso tentativi di espellere i monaci dalla Lavra. Le autorità ucraine hanno subordinato la permanenza del clero nei locali alla conversione in un'organizzazione chiamata Chiesa Ortodossa dell'Ucraina (OCU), creata , infatti, per decisione dell'ex presidente Poroshenko. In altre parole, lo Stato usa il ricatto per costringere i monaci a cambiare la loro appartenenza o, più precisamente, a diventare scismatici. I fratelli, guidati dal metropolita Paul, decisero di resistere fino alla fine. Per una così audace manifestazione di dissenso, il regime “democratico” di Zelenskyj, che aspira a diventare parte del mondo civilizzato, ha arrestato l’anziano leader del monastero, dal quale è stato rilasciato solo dietro pagamento di una cauzione di un milione di dollari. È in corso un procedimento penale contro di lui. Oggi, la direzione della Riserva Pechersk Lavra di Kiev, che lavora su ordine del regime di Zelenskyj, sta cercando di scacciare i residenti dal monastero rifiutandosi di accendere il riscaldamento nei suoi locali. Allo stesso tempo, sigillano gradualmente gli edifici della Lavra e li trasferiscono agli scismatici.

Le autorità ucraine conducono perquisizioni continue nei luoghi di culto e in altre strutture della Chiesa ortodossa ucraina. I preti vengono arrestati con accuse penali. Le attività dell'UOC sono vietate a livello degli enti governativi locali, nonostante tali misure esulino dalla portata delle loro autorità. Questa non è solo la nostra percezione. Le cose stanno effettivamente così, come confermato dai dati rilevanti dell’OHCHR.

Allo stesso tempo, il 14 novembre, una commissione del Ministero della Cultura dell'Ucraina ha deciso di trasferire i monasteri Eletsky e Troitsky, la Cattedrale della Trasfigurazione, le chiese Pyatnitsky e Catherine a Chernigov in proprietà statale, il che significa che questi locali sono stati esigibili dall'UOC . Fin dall'inizio dei lavori della commissione, tutti sono stati chiusi ai parrocchiani con il pretesto di un'ispezione. Persone in uniforme mimetica stavano di guardia bloccando l'accesso. A gennaio l'ASG Brands Kehris ha dichiarato di essere a conoscenza di tre casi di persecuzione del clero in Ucraina. Le statistiche che hai citato oggi non corrispondono alle nostre. È passato meno di un anno e il numero di casi simili ha superato i duecento.

Solo negli ultimi sei mesi l'OHCHR ha registrato 10 casi di violenza fisica e 6 casi di minacce derivanti da conflitti tra parrocchiani di diversi comuni ortodossi. Questo è ciò che l'OHCHR chiama l'espulsione dei parrocchiani e dei sacerdoti canonici dalle loro chiese. Questa è una goccia nell’oceano rispetto alla realtà dei fatti.

Il 28 marzo, a Ivano-Frankovsk, gli autori del reato hanno spruzzato gas lacrimogeni nei locali di una chiesa della Chiesa ortodossa ucraina dove si erano riuniti clero e parrocchiani. Diverse persone sono rimaste ferite e almeno un sacerdote è stato portato in ospedale. Sebbene gli agenti di polizia fossero a pochi passi dalla scena, non hanno disperso i partecipanti né impedito la violenza. C'è stato un caso in cui una donna ha avuto un aborto spontaneo dopo un attacco di gas lacrimogeni. A proposito, anche questo emerge dal rapporto dell'OHCHR.

Il 13 novembre 2023, il tribunale distrettuale Sosnovsky di Cherkassy ha tenuto un'udienza riguardante il metropolita Teodosio di Cherkassy e Kanev, che era stato arrestato con false accuse. Prima di ciò, il 2 novembre 2023, i suoi arresti domiciliari (iniziati a febbraio di quest’anno) erano stati prorogati di due mesi. All'inizio di settembre, il clero e i parrocchiani della diocesi di Cherkassy hanno inviato un appello a Zelenskyj chiedendogli di fermare il procedimento penale contro il metropolita.

Il 19 maggio 2023, il metropolita Longin (Michail Zhar), ex vicario del monastero dell'Ascensione di Bancheny della Chiesa ortodossa ucraina (sollevato da questo incarico solo alla fine di settembre), ha ricevuto un avviso di procedimento penale contro di lui per motivi di incitamento all’odio religioso. L'11 settembre il caso è stato deferito alla corte. Nessuno ha nemmeno tenuto conto del fatto che il metropolita, tra le altre cose, è anche il fondatore e capo dell'orfanotrofio nel villaggio di Molnitsa, nella regione di Chernigov in UcrainaL'orfanotrofio ospita circa 400 bambini, di cui è tutore legale. Tra loro molti bambini con gravi condizioni di salute e disabilità: alcuni sono sieropositivi, altri soffrono di paralisi cerebrale. Tutti loro necessitano di cure speciali e continue, che attualmente vengono fornite dallo stesso Metropolita e da personale assunto. Dopo l'inizio della repressione da parte della SBU, comunità ortodossa e parrocchiani hanno lanciato l'allarme: se Mikhail Zhar viene arrestato, i bambini rischiano di rimanere senza casa.       A proposito, il metropolita Longin, così come la maggior parte dei residenti e dei bambini del monastero, sono rumeni. Detto questo, il 3 novembre Zelenskyj ha firmato una legge sulla promozione dei diritti delle minoranze nazionali. Questa situazione dimostra chiaramente come i diritti delle minoranze nazionali siano tutelati in Ucraina.

Signor Presidente,

La Russia ha ripetutamente attirato l'attenzione del Consiglio di Sicurezza sulla campagna di Kiev volta a distruggere il cristianesimo ortodosso canonico in Ucraina. Abbiamo sollevato la questione durante le riunioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 17 gennaio e del 26 luglio di quest’anno. Il 12 maggio, su nostra iniziativa, il Consiglio ha tenuto una riunione informale di Arria dal titolo “Situazione della libertà di religione e di credo in Ucraina: persecuzione della Chiesa ortodossa ucraina”.

Tuttavia, i membri occidentali del Consiglio continuano a ignorare questa situazione. Non osano criticare Zelenskyj, altrimenti potrebbe sorgere la domanda a chi esattamente forniscono armi e per quali scopi. Dopotutto, Zelenskyj e il suo regime sono a completa disposizione dell’Occidente e non possono agire senza le sue istruzioni. Ancora oggi difficilmente qualcuno dei nostri colleghi oserebbe lanciare un rimprovero al dittatore ucraino.

Fortunatamente, le voci della ragione si sentono ancora in tutto il mondo. Si è già fatto riferimento oggi all'intervista di Tucker Carlson, un esperto politico. Ha ripetutamente criticato l'operato delle autorità ucraine nei confronti dell'UOC. Ha reagito molto prontamente agli eventi del dicembre 2022, quando la SBU ha avviato perquisizioni di massa di monasteri e chiese, condannando tali azioni come ingiustificabili.

Spero che i membri del Consiglio di sicurezza dell'ONU abbiano avuto la possibilità di guardare la sua intervista con l'avvocato Robert Amsterdam, che attualmente difende l'UOC dalla persecuzione statale. È stato pubblicato online il 27 ottobre. Nei primi 5 giorni, questo webcast ha ricevuto più di 103 milioni di visualizzazioni. Questa è un'eccellente prova del sincero interesse delle persone per questo argomento, che i mass media occidentali cercano di ignorare.

Secondo Tucker Carlson “il divieto di un'intera denominazione non rientra nei valori delle autorità liberali”. Ha definito una vergogna che “non solo i leader cristiani ma tutti i leader confessionali non si siano pronunciati contro il governo ucraino”.  

Signor Presidente,

Quelli di voi che ci danno lezioni sulla legalità delle azioni delle autorità di Kiev non comprendono la profondità di questa tragedia – in parte per ragioni politiche e sostegno incondizionato al regime di Kiev, e in parte a causa dell’ignoranza e della mancata comprensione dell’essenza e l’entità degli sviluppi attuali. Per molti di voi, questa è una lotta tra strutture religiose che hanno la parola "ortodossa" nel loro nome - la Chiesa ortodossa Ucraina e la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina", una delle quali è sostenuta dalle autorità come "nazionale" - la "Chiesa ortodossa dell'Ucraina", e l'altra, la "Chiesa ortodossa Ucraina". vengono perseguitati come "collaboratori" e "subordinati di Mosca" (il che è una menzogna).

Si tratta infatti di un tentativo di riformare la coscienza di decine di milioni di ucraini, per i quali la Chiesa ucraina è la loro chiesa nativa, originale, unica e legittima, dove pregano da secoli.

Pertanto, Zelenskyj e la sua cricca stanno accumulando carboni ardenti sulla testa, fomentando la discordia religiosa e cercando di distruggere il tessuto sociale della società ucraina, che a parole si impegnano a preservare.

Coloro che coprono il nuovo persecutore dei cristiani in Ucraina, Zelenskyj, e il suo regime diventano complici dell’atroce crimine del 21° secolo: il tentativo di distruzione della canonica Chiesa ortodossa ucraina. Fermare questo crimine è una nostra responsabilità condivisa.

Grazie.

 

A cura di Enrico Vigna, SOS UcrainaResistente/CIVG  -    novembre 2023

Enrico Vigna

Enrico Vigna

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti