Contro le minacce USA. La Russia pronta a consegnare sistemi S-400 e caccia Su-30 all'Iran

Contro le minacce USA. La Russia pronta a consegnare sistemi S-400 e caccia Su-30  all'Iran

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli Stati Uniti minacciano di estendere sanzioni ed embargo sulle armi convenzionali contro l’Iran. Ma Mosca fa sapere di ignorare sostanzialmente le minacce proferite da Washington. 

 

La Russia non avrebbe "alcun problema" a vendere il suo sistema di difesa aerea S-400 all'Iran, ha detto a tal proposito l'ambasciatore russo Levan Dzhagaryan.

 

“Come sapete, gli S-300 sono già stati consegnati. La Russia non ha problemi a consegnare gli S-400 all'Iran. Questo non è mai stato un problema fin dall'inizio ", ha detto Dzhagaryan, parlando al quotidiano iraniano Resalat in un'intervista uscita nella giornata di sabato. 

 

Dzhagaryan ha anche ricordato che allorquando l'amministrazione Trump si è ritirata dall'accordo nucleare iraniano nel maggio 2018, Mosca "ha preso una posizione forte contro gli Stati Uniti e ha invitato i tre firmatari europei dell'accordo a stare insieme a noi".

 

“Ma la questione che voglio affrontare è molto importante: i tre paesi europei non hanno sostenuto gli Stati Uniti, ma continuano anche a criticare le attività dell'Iran nella regione. Da un lato, dicono che l'embargo sulle armi contro l'Iran dovrebbe essere revocato. Dall'altro, dicono che l'Iran non dovrebbe continuare le sue attività. La parte russa ha detto fin dall'inizio che non ci sarebbero stati problemi a vendere armi all'Iran a partire dal 19 ottobre”, ha ribadito.

 

Il mese scorso, dopo che i suoi tentativi di estendere l'embargo internazionale sulle armi contro l'Iran sono falliti alle Nazioni Unite, Washington ha minacciato di imporre con "piena forza" sanzioni secondarie contro qualsiasi produttore di armi che trattasse con l'Iran.

 

L'Iran ha già esperienza con l'equipaggiamento militare di fabbricazione russa, incluso il sistema di difesa aerea S-300.

 

L'S-400 è attualmente il sistema di difesa aerea mobile su strada più avanzato nell'arsenale russo ed è in grado di abbattere qualsiasi cosa, da aerei, elicotteri e droni nemici a missili balistici e da crociera a distanze fino a 400 km. Oltre alla Russia, il sistema è stato acquisito da Cina, Bielorussia e Turchia, con l'India che si aspetta di ricevere presto diversi reggimenti del sistema.

 

Una valutazione del 2019 della US Defense Intelligence Agency ha suggerito che l'Iran potrebbe essere interessato all'acquisto di S-400 russi, sistemi di difesa costiera K-300P Bastion, caccia Su-30 e carri armati T-90 una volta scaduto l'embargo.

 

A settembre, il comandante della forza aerospaziale del Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica, Amir Ali Hajizadeh, ha annunciato che oltre all'importazione di armi, la revoca dell'embargo consentirà all'Iran di esportare le proprie attrezzature militari all'estero nel pieno rispetto del diritto internazionale.

 

Negli ultimi dieci anni, l'industria della difesa iraniana ha compiuto passi da gigante nella creazione di hardware militare avanzato, che vanno da missili, carri armati e aerei a navi da guerra, sistemi radar e persino satelliti di produzione nazionale. Il nuovo equipaggiamento di difesa aerea iraniano, in particolare, ha dimostrato il suo valore nel giugno 2019, quando un sistema missilistico a medio raggio Khordad-3 ha abbattuto un drone di sorveglianza Global Hawk da 220 milioni di dollari USA dopo essere entrato illegalmente nello spazio aereo iraniano sullo Stretto di Hormuz.

 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO