Cosa temono gli USA da cooperazione militare Cina-Russia?

Cosa temono gli USA da cooperazione militare Cina-Russia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non solo le tensioni sono sempre più frequenti con le sue continue provocazioni nei loro confronti su Ucraina e Navalny, Uiguri e Hong Kong, Washington oltre a prefigurare l'eventualità di uno scontro militare con Russia e Cina, svela anche la natura di questo eventuale conflitto.

Cosa teme Washington di Russia e Cina?

Per la prima volta nella storia, gli Stati Uniti si trovano ad affrontare sia la Cina che la Russia, due potenze con potenti capacità nucleari, ha affermato  il capo del Comando strategico degli Stati Uniti, Charles Richard, nel suo discorso davanti alla Commissione per i servizi di Difesa del Senato. 

Dal punto di vista di Richard, "Cina e Russia sfidano la nostra forza [degli Stati Uniti] attraverso un'ampia gamma di attività che richiedono una risposta concertata e integrata da parte del governo. Per la prima volta nella nostra storia, la nazione si sta muovendo verso il confronto. Con due avversari strategici che allo stesso tempo hanno capacità nucleari, ma che devono essere scoraggiati in modo diverso ". Richard considerava la cooperazione strategica in campo militare tra i due Paesi un segnale preoccupante, citando come esempio le esercitazioni congiunte Kavkaz-2020.

Potenziali avversari

Secondo Richard, la Cina continua a portare avanti i suoi programmi di modernizzazione dell'arsenale nucleare, volti a raggiungere gli obiettivi di vasta portata di negare la proiezione del potere degli Stati Uniti nell'Indo-Pacifico e soppiantare la nazione nordamericana come partner. della regione. "La Cina è già in grado di attuare qualsiasi strategia per l'uso di armi nucleari all'interno della sua regione e presto sarà in grado di farlo anche con portata intercontinentale", ricordando che il Paese asiatico non è più una minaccia minore rispetto alla Russia.

Quanto a Mosca, Richard ha assicurato che le armi nucleari rimangono un elemento fondamentale della strategia di sicurezza della Russia, che sta finalizzando la sua campagna per modernizzare la triade strategica e i sistemi a duplice uso. 

Il comandante statunitense ha spiegato che le armi nucleari possono essere applicate in risposta a un attacco convenzionale in caso di minaccia alla sua esistenza. "Pertanto, le nostre forze nucleari devono includere una gamma sufficiente di capacità e attributi in modo che la Russia non percepisca mai erroneamente alcun vantaggio dall'uso di armi nucleari a nessuna soglia di violenza". 

"Mentre l'estensione del trattato sulla riduzione delle armi strategiche fornisce utili vantaggi di una maggiore trasparenza e prevedibilità per gran parte dell'arsenale strategico russo, persiste un considerevole livello di incertezza riguardo alla portata e alla disposizione dell'arsenale nucleare russo, compresi quelle armi nucleari non dispiegate e i loro nuovi sistemi non previsti dal Trattato", ha commentato il militare. 

Non solo Russia e Cina

La Corea del Nord  rappresenta anche una sfida per la sicurezza degli Stati Uniti, poiché Pyongyang "continua a svolgere attività che minacciano la stabilità regionale e sfidano le norme internazionali", secondo Richardi. A sua volta, l' Iran , che ha il più grande arsenale di missili balistici del Medio Oriente, "continuerà a essere una forza destabilizzante nella regione", secondo il capo del comando strategico degli Stati Uniti. 

Riassumendo, Richard ha ribadito che "la particolarità dell'attuale conflitto è che non è lineare o prevedibile". "Dobbiamo tenere conto della possibilità che questo conflitto crei condizioni che potrebbero portare molto rapidamente un avversario a considerare l'uso di armi nucleari come l'opzione meno negativa", ha aggiunto.

In questo contesto, Richard ha concluso che gli Stati Uniti richiedono forze nucleari completamente modernizzate e infrastrutture di supporto per garantire la protezione del loro popolo. "Non possiamo continuare a prolungare indefinitamente la vita delle nostre armi e dei sistemi avanzati dell'era della Guerra Fredda".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti