/ Cremaschi: "La sinistra è sparita perché ha dimenticato di identi...

Cremaschi: "La sinistra è sparita perché ha dimenticato di identificare il nemico. Ritroviamo il nemico (Ue, euro e Nato) e ritroveremo noi stessi".

 

"Se si vuole cambiare veramente le cose - e parliamo a chi ancora lotta, perché chi ha rinunciato ha rinunciato - è necessario ritrovare il nemico. Perché il nemico esiste ed è un sistema di potere che organizza le guerre pacifiche, con la Nato, e le guerre sociali, con l'Ue e l'euro." Lo ha dichiarato Giorgio Cremaschi a margine dell'assemblea di Eurostop, preparatoria per la manifestazione nazionale indetta dalla Piattaforma per l'11 novembre a Roma.


Qui per vedere il video completo dell'intervista:



"Nel nostro paese c'è un insieme di movimenti, di lotte, ma c'è una paura ad identificare il nemico. Il nemico così si rafforza. L'11 novembre stiamo chiamando a raccolta tutti coloro che vogliono combattere in piazza ad una grande manifestazione a Roma contro un menico preciso non aleatorio: questo governo. Il governo delle banche, della precarietà e dei manganelli. Un governo autoritario che non agisce per conto suo, ma su mandato dei poteri forti" ha proseguito Cremaschi in quest'intervista all'AntiDiplomatico. "La sinistra è sparita perché ha dimenticato di identificare il nemico. Ritroviamo il nemico e ritroveremo noi stessi".



All'assemblea hanno partecipato i rappresentanti di molte delle sigle racchiuse nella Piattaforma Eurostop. Abbiamo ascoltato anche le considerazioni di Francesco Valerio della Croce, segretario della FGCI e Alessandro Giannelli dell'USB di Roma. Queste le loro dichiarazioni in vista della manifestazione dell'11 novemebre.
 

 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa