Dalla Siria al Venezuela abbiamo smentito tutte le vostre fake news. Per l'AntiDiplomatico un 2019 da record. Nel 2020 supereremo noi stessi

Dalla Siria al Venezuela abbiamo smentito tutte le vostre fake news. Per l'AntiDiplomatico un 2019 da record. Nel 2020 supereremo noi stessi

L’anno ormai arrivato alle sue ore conclusive lo chiudiamo con un totale di oltre 5 milioni di utenti unici e un totale di pagine visualizzate che supera i 25 milioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Alla fine di un 2019 esaltante ci concediamo una piccola autocelebrazione. Sarà poco elegante ma per una testata come la nostra controvento, controcorrente e antidiplomatica i numeri registrati sono davero impressionanti. 

 

L’anno ormai arrivato alle sue ore conclusive lo chiudiamo con un totale di oltre 5 milioni di utenti unici e un totale di pagine visualizzate che supera i 25 milioni. 

 

Numeri lusinghieri per un progetto come l’AntiDiplomatico che si basa solo sul sostegno dei lettori. Numeri che ci danno una chiara indicazione per l’anno 2020 entrante. Le persone hanno fame di informazione. Vogliono esplorare anche la faccia nascosta delle vicende. Quella che i media mainstream e i loro cascami, più o meno consapevoli del ruolo che gli spetta, vorrebbero imporre come unica e ufficiale. 

 

Anche quest’anno abbiamo dovuto subire una sequela di insulti, attacchi gratuiti, tentativi di censure, minacce, diffamazioni. Ma il nostro progetto continua con ancora più vigore. 

 

Dalla Siria al Venezuela i fatti hanno ancora mostrato di avere la testa dura smentendo le tonnellate di fake news propalate senza soluzione di continuità dal circuito mainstream spalleggiati in questo compito ingrato dai loro cascami. Ancora una volta, però, abbiamo avuto ragione. Possiamo affermarlo con estrema forza. Nessuna, e ci teniamo a ribadirlo, assolutamente nessuna delle news che avete letto su l’AntiDiplomatico si è rivelata una fake news. Noi le fake news, quelle dell’informazione ufficiale fatta dai ‘competenti’, le abbiamo smentite. Nonostante i nostri mezzi limitati. 

 

Proprio questo è il nostro proposito: continuare su questa strada con ancora maggior impegno, vigore, rigore. Esponendo senza alcuna condizionamento il nostro punto di vista senza rifugiarci in una presunta obiettività che non esiste. 

 

Tanti auguri di buon anno ai nostri lettori. A quelli che si affacceranno l’anno venturo per la prima volta sulle nostre pagine. A coloro che decideranno di concederci ancora fiducia continuando a seguirci. 

 

Siamo in tanti. Diventeremo ancora di più perché la sete di informazione in questo martoriato paese è davvero notevole.




La redazione de l'AntiDiplomatico

Potrebbe anche interessarti

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi di Pasquale Cicalese Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Una manna dal cielo per il millantatore Draghi

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden? di Antonio Di Siena Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Non si inginocchia nessuno contro il "democratico" Biden?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti