Cuneo fiscale, l'enorme presa per i fondelli di Gualtieri

Cuneo fiscale, l'enorme presa per i fondelli di Gualtieri

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Kartana
 

Le ritenute fiscale dei redditi dei lavoratori sostengono le entrate tributarie nel 2019, che presentano complessivamente una crescita dell'1,7%. Il ministero delle Finanze ha pubblicato oggi pomeriggio il dato delle entrate complessive. Ebbene il fisco sul lavoro dipendente privato ha visto un aumento del 3.3%, corrispondenti a +2,625 (totale 81,425) miliardi. Le ritenute sul lavoro pubblico, che nel frattempo è attraversato da un esodo di personale sia come pensione di anzianità sia come quota 100, sono cresciute del 3,3%, corrispondenti a 2,461 miliardi (76,017 il totale). Su entrate complessive di 471 miliardi i lavoratori vi partecipano per ben 157 miliardi. Un vero salasso in un contesto di bassi salari. Se a ciò si aggiungono le bollette, i mutui, l’Iva su quanto i lavoratori comprano rimane una miseria. La riduzione del cuneo fiscale che partirà a luglio per i lavoratori è un pannicello caldo, i 3 miliardi, non coprono nemmeno il tiraggio fiscale del 2019, figuriamoci gli altri anni. 

 

Una presa per i fondelli descritta come un successo del Ministro Gualtieri, che tra l'altro non aveva previsto ben 10 miliardi di maggiori entrate rispetto a quanto preventivate. C'è un'enorme problema di giustizia fiscale in questo Paese, non è possibile che gli aumenti contrattuali, quando e se ci sono, vengano risucchiati dal fisco. Già gli aumenti contrattuali sono miserrimi, figurarsi poi il tiraggio fiscale. Per controbilanciare in parte il salasso fiscale sui lavoratori il cuneo dovrebbe ridursi di almeno 20 miliardi andando a trovare le risorse nell'evasione e nell'elusione fiscale e diminuendo drasticamente gli incentivi a fondo perduto regionali e statali per le aziende. 

 

Un'azienda seria, sana, non ha bisogno dei soldi dello Stato. Vuole semplicemente che lo Stato funzioni e ciò è possibile se a distanza delle riforme Bassanini che hanno provocato un cortocircuito amministrativo e istituzionale si semplifichi tutto. Ciò porterebbe ad enormi risparmi, la digitalizzazione lo permette, da dirottare alla riduzione massiccia del cuneo fiscale dei lavoratori, agnelli sacrificali da decenni del fisco italiano.

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti