Daghestan, il ministero degli Esteri russo afferma che "il ruolo chiave è stato attribuito al regime criminale di Kiev"

Daghestan, il ministero degli Esteri russo afferma che "il ruolo chiave è stato attribuito al regime criminale di Kiev"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un aeroporto della città russa di Makhachkala, nella Repubblica del Daghestan, è stato chiuso ai voli in arrivo e in partenza domenica dopo che una folla ha invaso la pista, spinta da provocazioni generate da canali Telegram esteri, spiega Sputnik. 

Successivamente il governo del Daghestan ha informato che l’irruzione è stata fermata dalle forze dell’ordine e sono state avviate indagini ufficiali su quanto avvenuto.

I disordini di domenica all'aeroporto di Makhachkala sono stati "manovrati" dall'Ucraina, ha dichiarato il capo della Repubblica del Daghestan, Sergey Melikov.

Melikov ha definito quanto accaduto all'aeroporto una grave violazione della legge, aggiungendo che nessuno dei colpevoli sfuggirà alle proprie responsabilità.

"Sono stati aperti procedimenti penali in relazione a una serie di fatti che hanno dato origine agli eventi di ieri, e tutti i responsabili della situazione saranno chiamati a risponderne. Non ci sarà perdono per nessuno... Sono stati registrati numerosi fatti, ci sono prove fotografiche e video, quindi nessuno sfuggirà alle proprie responsabilità", ha dichiarato Melikov alla stampa.

Questi i fatti:

Centinaia di abitanti del luogo hanno iniziato ad ammassarsi fuori dall'aeroporto di Makhachkala, capitale della Repubblica del Daghestan a maggioranza musulmana, nella tarda serata di domenica, come evidenziato da Sputnik. 

L'assembramento non autorizzato sarebbe stato provocato dalle affermazioni circolate su Internet di un volo in arrivo da Tel Aviv che trasportava "rifugiati ebrei" nel contesto del conflitto in corso tra Palestina e Israele.

Dopo i tafferugli con la polizia aeroportuale, la folla ha sfondato le porte del terminal, facendosi strada all'interno. I manifestantii si sono poi riversati sulla pista. I video che circolano sui social media mostrano decine di persone che prendono d'assalto la rampa dopo l'atterraggio all'aeroporto di un aereo passeggeri Red Wings proveniente da Tel Aviv, Israele.

Dopo la segnalazione della violazione dell'aeroporto, decine di veicoli delle forze dell'ordine sono giunti rapidamente sul posto. La polizia in tenuta antisommossa è entrata nell'aeroporto, trattenendo diversi manifestanti e riportando la situazione sotto controllo.

Il Mufti Supremo del Daghestan, lo sceicco Akhmad Afandi, si è rivolto ai rivoltosi su Telegram, esortando alla calma e alla fine del conflitto.

"Riguardo agli eventi di oggi, credo sinceramente che vi stiate sbagliando, la questione non può essere risolta in questo modo... Massima pazienza e calma", ha esortato il muftì in un videomessaggio.

Le autorità regionali hanno subito annunciato che la situazione era sotto controllo e l'agenzia federale russa per l'aviazione Rosaviatsiya ha riferito che l'aeroporto era stato sgomberato dalle persone non autorizzate. L'aeroporto ha dato l'allarme, dopodiché le persone hanno iniziato a disperdersi e quindi è stata disposta la chiusura per il traffico in entrata e in uscita. Successivamente è stato annunciato che l'aeroporto sarebbe rimasto provvisoriamente chiuso per i voli in arrivo fino alle 3 del mattino (00:00 GMT) del 6 novembre. Tutti gli aerei che dovevano atterrare all'aeroporto sono stati dirottati su aeroporti alternativi.

Le autorità del Daghestan hanno inoltre dichiarato che avrebbero limitato il traffico sull'autostrada che conduce all'aeroporto.

Circa 20 persone, tra cui almeno sei agenti di polizia, hanno riportato ferite negli scontri all'aeroporto.

"Il personale medico degli ospedali della Repubblica sta fornendo assistenza a 10 feriti... Sia gli agenti di polizia che i civili hanno ricevuto ferite moderate e gravi. Due persone sono in condizioni estremamente gravi", ha dichiarato il dipartimento regionale del Ministero della Salute su Telegram.

Sono stati identificati più di 150 partecipanti attivi ai disordini aeroportuali, 60 dei quali sono stati arrestati e portati nei dipartimenti di polizia regionali per ulteriori indagini, ha dichiarato il Ministero degli Affari Interni della Repubblica del Daghestan su Telegram.

È stata avviata un'indagine penale sull'organizzazione dei disordini di massa, ha dichiarato la direzione locale del Ministero degli Interni russo. Per i responsabili, il reato comporta pesanti sanzioni, tra cui la possibilità di finire dietro le sbarre fino a 15 anni. La direzione ha avvertito che potrebbero essere aperti procedimenti penali nei confronti di persone che si sono rese protagoniste di commenti pubblici carichi di odio razziale e religioso.

Il governo del Daghestan ha convocato una riunione di emergenza in risposta agli eventi dell'aeroporto e alla più ampia "situazione socio-politica del Daghestan".

Il governatore Melikov ha anche assicurato che l'aeroporto di Makhachkala riprenderà le operazioni di routine entro due o tre giorni.

Il governatore Melikov ha poi dichiarato che, sebbene la popolazione del Daghestan "si immedesimi" in coloro che soffrono a causa del conflitto tra Palestina e Israele, ciò che è accaduto all'hub del trasporto aereo è una grave violazione della legge. Ha invitato i residenti della repubblica a non lasciarsi abbindolare dalle provocazioni ideate da risorse estremiste distruttive gestite dai "nemici della Russia", che cercano di dividere la società russa.

Sergey Melikov ha detto che i disordini in Daghestan sembrano essere stati istigati dal canale Telegram Utro Dagestan ("Mattina del Daghestan") - smascherato dai funzionari russi come un progetto dei servizi segreti ucraini concepito per fomentare disordini in Russia.

L'assalto all'aeroporto, che arriva sulla scia delle proteste non autorizzate pro-palestinesi scoppiate in tutto il Daghestan durante il fine settimana, ha spinto il rabbino capo della Russia, Berl Lazar, a invitare tutte le confessioni a resistere ai tentativi di seminare discordia tra i popoli della Russia.

Gli eventi all'aeroporto di Makhachkala avevano lo scopo di incitare all'odio etnico per destabilizzare la pace civile in Russia, ha dichiarato l'Ombudswoman russa Tatyana Moskalkova.

Sergey Menyailo, capo della Repubblica russa dell'Ossezia del Nord, confinante con il Daghestan, ha definito quanto accaduto a Makhachkala una provocazione pianificata dall'estero.

Nel frattempo, l'Ufficio del Primo Ministro israeliano, il Ministero degli Affari Esteri e il Consiglio di Sicurezza Nazionale hanno dichiarato di monitorare gli eventi che si stanno svolgendo in Daghestan.

"Israele si aspetta che le autorità legali russe salvaguardino il benessere di tutti i cittadini israeliani e degli ebrei, ovunque essi si trovino, e che prendano provvedimenti forti contro i rivoltosi e contro l'incitamento selvaggio diretto contro gli ebrei e gli israeliani", hanno dichiarato in un comunicato congiunto.

Ministero degli Esteri russo: “Il ruolo chiave è stato attribuito al regime criminale di Kiev"

Anche il ministero degli Esteri russo ha concordato sul fatto che i disordini all'aeroporto di Makhachkala, capitale della repubblica russa del Daghestan, sono il risultato di una provocazione pianificata dall'esterno.

"I disordini di massa (...) che hanno avuto luogo nella repubblica del Daghestan sono il risultato di una provocazione pianificata dall'esterno, volta a minare lo sviluppo armonioso e l'unità etnica e religiosa del popolo della Federazione Russa", si legge nel comunicato.

Il ministero russo ha incolpato il regime di Kiev per gli eventi, osservando che il governo ucraino è intenzionato a destabilizzare la situazione in Russia e a screditarla sulla scena internazionale "sullo sfondo dell'affievolirsi dell'attenzione della comunità internazionale per la crisi intorno all'Ucraina".

La nota sottolinea che la rapida reazione della leadership russa e l'azione chiara delle forze dell'ordine "è la risposta a coloro che sperano di seminare confusione e discordia in Russia."

Il Cremlino annuncia un grande incontro con Putin sugli eventi di Makhachkala

Il Presidente russo Vladimir Putin terrà oggi un'ampia riunione sui disordini di massa all'aeroporto di Makhachkala. Lo ha annunciato l'addetto stampa del capo di Stato, Dmitry Peskov, durante un briefing.

Peskov ha sottolineato che il capo del Daghestan, Sergei Melikov, e gli ufficiali dell'FSB e della Rosgvardiya hanno già presentato a Putin dei rapporti sull'incidente.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti