/ Damasco: "Gli Stati Uniti attaccano le forze siriane per sostener...

Damasco: "Gli Stati Uniti attaccano le forze siriane per sostenere il terrorismo"

 

Il governo siriano ha denunciato l'attacco aereo della cosiddetta coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti contro gli obiettivi dell'esercito nazionale questo giovedì. Secondo i dati riportati da Damasco sono morti oltre 100 soldati nella provincia di Deir Ezzor, nell'est del paese.

La televisione di stato siriana in una dichiarazione pubblica ha definito il bombardamento della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti contro le truppe siriane una "nuova aggressione" e un "tentativo di sostenere il terrorismo". "Le forze della coalizione internazionale stanno bombardando le forze che combattono Daesh e le forze democratiche siriane (SDF) a est del fiume Eufrate e ci sono notizie di vittime", ha detto la televisione siriana.



Le persone che sono state prese di mira dagli attacchi aerei statunitensi, secondo la fonte, erano "locali" che combattevano contro l'ISIS e le forze democratiche siriane.

Gli Stati Uniti confermano di aver ucciso più di "100 soldati filogovernativi" siriani in un attacco di mercoledì in risposta a un presunto attacco delle forze siriane contro i combattenti delle cosiddette forze democratiche siriane (SDF), sostenute da Washington. Giovedì il deputato russo Franz Klintsevich ha duramente attaccato la coalizione anti-ISIL per aver compiuto un attacco illegale sul territorio siriano. "Le azioni della coalizione statunitense non sono conformi alle norme legali. Senza dubbio, questa è un'aggressione", ha detto.

Gli Stati Uniti sostengono che l'attacco è stato una risposta alle forze siriane che hanno bombardato una base della SDS a 8 chilometri dalla linea concordata per separare entrambi i fronti nella zona del fiume Eufrate, a Deir Ezzor.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa